Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 20 dicembre 2013

I LABIRINTI DEL NORD RUSSO COME IMPIANTI DI TRASFORMAZIONE DELLA COSCIENZA





In tutto il mondo sono stati costruiti circa trecento labirinti, di cui 50 si trovano  sul territorio russo, e soprattutto  sulle coste dei mari del nord (isole Solovetsky, Karelia, mar Bianco).
Di solito rappresentano delle figure di forma ovale o circolare fatte di pietre di grosse dimensioni, e una complessa   configurazione dei sentieri all’interno.  Li studia da 27 anni, organizzando delle spedizioni sul posto, Yuri Plusnin, di Novosobirsk, filosofo e sociologo.
-  La sensazione che provi quando sei dentro, - dice lui – è difficile da descrivere. Senti una forte tensione e un forte senso di pace nello stesso momento. Senza dubbio, sono delle costruzioni sacre. Io penso che siano i punti dove i due mondi – il nostro e quello dell’al di là –  si raggiungono.  Ma è anche un punto dove la coscienza assume  uno stato diverso, per questo tutto il disegno labirintico   è una rappresentazione simbolica di questa trasformazione.
-  Entrando coscientemente in un labirinto, una persona può anche cambiare il suo destino.  Nel 1997, studiando un labirinto su una delle isole Solovetsky, ho conosciuto  quattro ragazzi, due maschi e due femmine, turisti. Non si conoscevano prima tra di loro. Avevo proposto loro per gioco, in una notte d’agosto, quando il Giove era particolarmente luminoso, di partecipare ad un antico rito dello sposalizio. 
Avvertendolo loro che, tutto sommato, era anche pericoloso. “Se non ci riuscite dentro il labirinto,  sarà difficile farlo anche nella vita, e viceversa.  Ma se  la magia del labirinto vi conquisterà, non avrete altra scelta  nella vita”.   
Avevano accettato, formando due coppie.  La ragazza è partita  dal centro del labirinto, e il ragazzo  doveva raggiungerla entrando dentro, entrambi avevano gli occhi chiusi.  Avevano 4 possibilità di incontrarsi, e in tre casi non dovevano proprio trovarsi.
Ma inaspettatamente,  e con gli occhi chiusi,  si sono incontrati.  Qualche anno fa sono stato di nuovo lì, e li ho  incontrati di nuovo. Entrambe le coppie erano già  felicemente sposate.
- Il disegno e le proporzioni non  sono tutto...  per diventare un punto di passaggio nell’altro mondo, un labirinto deve essere situato in un punto particolare...



- Ognuno di noi costruisce il proprio labirinto. Alcuni li fanno dei suoi problemi, altri trasformano i problemi nei labirinti...  Io sto costruendo il mio labirinto da oltre 20 anni. Avevo cominciato con i massi da 100 – 50 kg, e ora sono passato a quelli che pesano oltre 300 kg (ovviamente, con aiuto dei meccanismi). Ognuno dovrebbe costruire il proprio labirinto, altrimenti potrebbe girare in cerchio e al buio. I labirinti li puoi fare in riva al mare, e anche di sassi piccoli...come facciamo io e i miei figli.
- Lasciare un labirinto significa cercare migliorare questa vita,  è un segno  che dice: “Ho cercato di trasformare questa parte del mondo”. 

sabato 26 ottobre 2013

I MONDI SOTTILI DEGLI ANIMALI. ALCUNE OSSERVAZIONI SUI METODI PER GUARIRE GLI ANIMALI CON LE TECNICHE DELLA RADIONICA ESOTERICO-SCIENTIFICA RUSSA










Pochi operatori radionici curano anche gli di animali (sia in Europa che in Russia). 
Finora non sappiamo quasi nulla della struttura del mondo sottile degli animali, né degli organismi che  lo gestiscono. Quale posto occupano gli animali  nel Sistema della Mente Suprema?
Quello della radionica degli animali è un grosso tema ancora inesplorato  (i volontari cercansi...)
Nello loro maggioranza gli esoteristi sono certi che gli animali superiori abbiano un'Anima



che  in certi casi loro si reincarnino,  che alcuni animali (gatti in particolare) possiedano una speciale famigliarità con le altre dimensioni
Quanto al resto, nell’esoterismo classico c’è la convinzione  che  esista una sorta di anima collettiva di ogni specie nella quale confluiscono le anime degli animali defunti. 
Non è molto, ma non si potrebbe aspettarsi di più da una società dove domina una cultura specista (e una religione antropocentrica...).  Parafrasando Pavel-2, anche in questo campo abbiamo un caso di notizie confuse ed antiquate.
Che cosa dicono i ricercatori russi  sulle tecniche della guarigione degli animali
Sostanzialmente, poco. La grande Puchko  amava gli animali e aveva dedicato a loro un capitolo nel suo libro "L'Uomo Multidimensionale"). In sostanza, i suoi  protocolli per la cura degli animali ricalcano (con molte semplificazioni) quelli per gli umani.
Nemmeno gli animali superiori (i primati, i cani, i gatti...) possiedono un Sé Superiore così come lo abbiamo noi.  Loro non hanno un Angelo Custode.   Gli animali più evoluti hanno le diverse versioni di PRE-MENTE. 
Ogni specie però, possiede un DETERMINATORE  -  una sorta di Angelo Custode collettivo.  

Olga Samarina. La Fata e il Gatto

Io  ero approdata alla radionica sperando di aiutare i miei gatti (dopo aver dovuto affrontare un certo numero di malattie feline fulminanti o incurabili), e sono da sempre interessata alla ricerca delle maggiori  informazioni sul “dopo” degli animali, non accontentandomi del “Ponte del Arcobaleno”...
Non metto in dubbio che anche gli animali fanno parte dello stesso flusso divino dove ci siamo anche noi, che anche loro stanno sperimentando le infinite vie della coscienza.

Qualcosa di interessante ho trovato nel libro che i viaggiatori astrali francesi Anne e Daniel Meurois-Givaudan avevano scritto sull’anima degli animali (“Il Popolo degli Anima-li”). Loro sostengono che gli animali possiedano una Coscienza Collettiva e che quelli di loro che stanno facendo un cammino  accanto all’uomo (è il caso dei nostri cani e gatti) abbiano una maggiore possibilità  di sviluppare un’autonomia  superando i limiti del GRUPPO:  in questi casi si potrebbe dire dell’inizio di un CAMMINO KARMICO INDIVIDUALE (io stessa ne sono stata testimone).
Mi sembra di aver capito, lavorando con gli animali con le tecniche della Puchkò o di Pavel-2, le seguenti cose:




1. Non c’è bisogno di inventare nulla, NESSUN GRAFICO PARTICOLARE.
Si adoperano i grafici dei sistemi fisiologici umani, si seguono gli stessi protocolli (Puchkò o Pavel-2,  il metodo che l’operatore considera più vicino al proprio modello dell’Universo);
Certe volte può essere utile procurarsi delle tavole anatomiche di quegli organi che  hanno una struttura un po’ diversa dalla nostra (per esempio, il  cervello di un gatto è un po’ più semplice di quello umano);
Si può tranquillamente adoperare i disegni dei meridiani umani; a noi interessano i problemi del meridiano (che sono gli stessi degli umani) e  non il disegno della parte del corpo che lo accompagna;

2.Gli animali domestici sono soggetti anche loro all’azione dei PROGRAMMI NEGATIVI di carattere informazionale – esattamente come gli umani, e, in un certo senso, spesso rischiano più di loro padroni, perché fanno loro da SCUDI.
Assorbono tutta  o quasi tutta l’informazione negativa che viene indirizzata ai loro compagni umani oppure alle persone con le quali possiedono dei solidi canali di comunicazione; come si spiegherebbe altrimenti l’esistenza degli strati di programmi negativi di ogni tipo nei gatti o nei cani  che da sempre vivono in un appartamento? ....
Questi programmi negativi risultano praticamente assenti  negli animali che vivono allo stato libero (ho potuto constatarlo occupandomi  parecchio dei randagi); i loro problemi di salute sono causati principalmente  dalle infezioni, dai virus, o da altri fonti di irradiazione dei campi del sistema della Mente Suprema. L’unico fattore sottile a cui questi animali sono esposti sono  le SEMC  - Strutture Energetiche Multidimensionali di Comando - che arrivano in seguito al naturale invecchiamento o all’azione delle malattie croniche;

3.Alcuni programmi negativi  che hanno un carico PARTICOLARMENTE DISTRUTTIVO (i malefici in particolare), indirizzati sia agli animali sia agli  umani sono capaci di provocare, quasi all’istante, in vero corto circuito delle strutture sottili dell’animale prima e degli organi fisici già problematici dopo, e portare ad una morte rapida  ed apparentemente inspiegabile.

4.In alcuni casi l’atto di spezzare i CANALI NEGATIVI (o patologici) che collegano l’animale al padrone potrebbe dare qualche risultato, ma  non è mai definitivo; i canali si ripristinano, e i programmi negativi con forti protezioni (”modifiche straordinarie”) riescono a superare tranquillamente questo ostacolo.
Che cosa possiamo fare per proteggere gli animali? La stessa cosa che facciamo per noi:  se vogliamo che il nostro amico viva a lungo e non sia soggetto alla negatività esterna, RIPULIAMO I SUOI CORPI NON FISICI E METTIAMO  LORO UNA VALIDA PROTEZIONE.
Si seguono gli stessi protocolli, rivolgendosi al loro Determinatore. ...  Potrei anche notare che la protezione dei corpi non fisici non è soggetta, nel caso degli animali, alla rapida rottura causata dalle emozioni negative (gli animali non arrivano mai al  livello dell’autodistruzione  che è facile riscontrare nelle persone, dimostrando la loro innata saggezza che deriva, forse, da quella consapevolezza del proprio posto nell’Universo che noi umani abbiamo perso).
Pavel-2 e Puchkò nei suoi testi menzionano soltanto le Sequenze Vibrazionali  i cui simboli e forme rappresentano la Lingua Unica di Frequenze,
valida in tutto l’Universo, invitando l’operatore  che vorrebbe saperne di più o trovare altre tecniche, a fare una ricerca propria.
Ho seguito il suo consiglio, decidendo da subito che anche gli animali possono  beneficiare le stesse tecniche che adopero io per le persone.  Ho cambiato leggermente la  Formula dell’Appello includendovi una potente alleata dei gatti – la Dea Bastet (un forte archetipo presente nei piani sottili da millenni, alla pari di Iside, o  forse anche da decine di millenni se consideriamo i suoi predecessori – gli dei dell’antico Sumer). Non riporto qui il mio "modus operandi" (di solito riservato a chi decide di  conoscere più da vicino queste tecniche).

Che cosa  facciamo, concretamente, per curare gli animali?


Seguiamo il solito schema per gli umani:  PULIZIA DEI CORPI NON FISICI – PROTEZIONE -  L’INDIVIDUAZIONE DELLA PATOLOGIA E DEI SISTEMI FISIOLOGICI COINVOLTI -L’ANALISI DELLO STATO DEI CHAKRA E LA LORO EVENTUALE CORREZIONE – L’INDIVIDUAZIONE DEI MERIDIANI PROBLEMATICI E LA LORO CURA – L’ANALISI TORSIONALE DEI TRE  CORPI INFORMAZIONALI MINORI DELL’ORGANO AMMALATO, L’ELIMINAZIONE DEI PROGRAMMI NEGATIVI IN QUESTI CORPI – IL LORO RIPRISTINO E L’ELIMINAZIONE DELLE INCOORDINAZIONI – IL RIPRISTINO DELL’ORGANO SECONDO IL CODICE DELL’ORGANISMO SANO .

Non dimentichiamo MAI di dare MOLTA ENERGIA all’animale e all’organo che stiamo curando né di applicare dei rimedi che possono aiutare l’animale  nella sua lotta contro la malattia. E ovviamente, le cure  radioniche vanno spesso a braccetto con ciò che è stato prescritto dal veterinario (testare la compatibilità dei medicinali con l’organismo dell’animale).
Come nel caso delle persone, abbiamo la speranza di migliorare la situazione se  l’organismo ha ancora certe risorse per continuare a vivere (Pavel-2 lo ripete spesso, forse per togliere la voglia dei miracoli  ai principianti soprattutto: “Il Sistema della Mente Suprema ha le sue leggi...”. Le quali, appunto, non possiamo che osservare). 

Con queste tecniche sono riuscita a risolvere alcuni problemi comportamentali e non solo, di solito molto restii a tutti i tipi di cura, compresa quella omeopatica/essenze floreali. 
Il mio gatto di 15 anni,  recentemente scomparso a causa di fulminanti tumori (un destino particolare...), viveva con un rene solo (l'altro era atrofizzato, come succede sovente ai gatti di una certa età)  non aveva, malgrado l'età e lo stato di cose, l'insufficienza renale, le sue analisi erano nella norma. E il fatto sorprendeva non poco i veterinari.  Lo curavo con le tecniche di Pavel-2. 
M.K.Ciurlionis "il Paradiso"









venerdì 18 ottobre 2013

LE ENTITA'





Molti metodi ne parlano, ci sono moltissime tecniche della pulizia "dell'aura". 
Al mio primo seminario mi è capitato un signore che si era arrabbiato dicendo: noi non dobbiamo  combattere le entità, lo faccia chi possiede delle competenze specifiche. 
No,  non si deve confondere le entità che noi eliminiamo con i cupi demoni  di cui parla la religione.  Non voglio nemmeno discutere su cosa sono quei demoni! 

Qui si parla delle vibrazioni negative che si stabiliscono nei nostri corpi non fisici  facendoci stare male.
Vi sentite  arrabbiati più del solito, nervosi, depressi,  prendereste a pedate tutto il mondo? ... probabilmente avete un'entità "Fuoco" o "Rabbia"
Per la RADIONICA RUSSA la cura delle nevrosi, delle psicosi, delle depressioni comincia da una bella pulizia dei corpi sottili!
Non c’è nulla di cui avere paura, una volta ammesso che  viviamo in più dimensioni, delle quali, però, ne percepiamo soltanto tre, e siamo perfettamente “permeabili” a ciò che non riusciamo a vedere.

Purtroppo, chi non possiede una specifica protezione (ottenuta con le tecniche sviluppate “dopo Puchkò”)  rimane sempre “aperto”  ai programmi negativi di tutti i tipi, comprese le entità. E quindi, se non  sei protetto veramente, anche quelle continuano ad entrare, come entra la polvere nelle nostre abitazioni...

Le entità non sono altro che dei soggetti multidimensionali, appartenenti a un gran numero di dimensioni allo stesso tempo, un po’ simili ai frattali o agli attrattori (strutture che vengono usate per capire gli effetti della gravità quantistica).
Vedete il quadrante radiestesico "Entità aurali e terrestri". 

E’ molto probabile che nei corpi sottili di un uomo rabbioso e cattivo abiti da tempo una o più entità  con il segno del fuoco, come nelle persone che hanno sofferto delle malattie debilitanti si trovano sempre delle entità “Guscio traumatizzato”. 
Avevo spesso trovato in tutti i malati oncologici, compresi gli animali,  delle entità “L’elemento terrestre del cancro”.
Le entità-vibrazioni negative definite per prima dalla Liudmila Puchkò, si suddividono in aurali, terrestri ed anime estranee. Quelle aurali le eliminiamo e basta, invece le entità terrestri (una sorta di archetipi dei tipi umani- vedi i due ventagli in basso del grafico) e le anime estranee  si rimandano nelle dimensioni dell'Universo per loro stabilite (per chi lavora con le tecniche di "Le Energie della Guarigione e la Formula dell'Appello" questa operazione è automatica, già inclusa nella formula dell'Appello a Dio.
Li “anime estranee” sono spesso richiamate dai nostri “debiti karmici” o da altri motivi (per esempio, entrano durante l'anestesia profonda, o quando il paziente è in coma).

Possiamo sbarazzarcene da soli. E come? Basta  identificare i loro parametri, con il nostro bel pendolo in mano. 
Sono degli abitanti della “matrice vibrazionale”, e quindi, vibrano anche loro. E SAPPIAMO CHE TUTTO CIÒ CHE VIBRA PUÒ ESSERE IDENTIFICATO CON L'AIUTO DEI NUMERI O DELLE FORMULE MATEMATICHE, calcolando, per esempio, le loro lunghezze d’onda.
Per questo ci basterà una semplice formula matematica. 
Altro che magia: è pura matematica e fisica! 
Questo ci servirà soprattutto all’inizio, perché man mano che procediamo, impareremo altre formule, ancora più semplici, ricorrendo a chi ci aiuta da sempre pur rimanendo invisibile ai nostri occhi.
Anche gli animali sono soggetti alle entità; la cura per la gran parte dei disturbi comportamentali degli animali si comincia, per la radionica russa,  da una bella pulizia dei corpi sottili.

giovedì 17 ottobre 2013

I MALEFICI: DAI LEGAMENTI D'AMORE AI PROGRAMMI DI MORTE






L’argomento di oggi sono i MALEFICI. 
Rientrano nella categoria delle “cause profonde” di carattere informazionale, descritte così bene dalla Puchkò.
Ma c’è un particolare,  non sono affatto i soliti programmi negativi eliminabili  con  il solito protocollo che gli studenti della radionica russa ormai conoscono.
I malefici sono molto più diffusi di quanto non si creda.

Il nome stesso (maleficio) in italiano non rende, purtroppo, il vero significato di questo terribile programma negativo. 
Il russo “portcha”, dal verbo “portit’” – “rovinare”,  è molto più esplicativo. 
“Portcha”  o maleficio è una malattia(fisica) o una dipendenza (dall’alcool, dalla droga, dal sesso, o semplicemente dal volere di un’altra persona) indotta dalla stregoneria.

Ecco come descrive i “legamenti d’amore” – uno dei malefici più diffusi - Viktor Rogozhkin  nel libro  “Eniologia”.

La formula magica introduce nel piano astrale e mentale della persona –«oggetto del desiderio» la programmazione negativa (vedi il disegno).




Programma n.1: "Voglio che i piedi del mio amato ...(nome) lo portino a ME"
Programma n.2: "Voglio che nel suo cuore  ci sia posto solo per ME"
Programma n.3: "Voglio che i suoi occhi vedano solo ME"
Programma n.4: "Voglio che lui desideri solo ME"
Programma n.5: "Voglio che  lui pensi solo a ME".

Il tutto è paragonabile ad una bella palla di piombo ai piedi..  invisibile ai nostri occhi ma pesantissima nei mondi sottili.  Talvolta recepita dall'interessato come un suo reale desiderio!



Possiamno eliminare questi programmi, da 1 a 5, come nell'esempio (il legamento d'amore è uno dei più semplici, non ha nulla a che fare con i programmi di morte), ma SI RIPRISTINERANNO SUBITO!

Perché un maleficio è una specie di PIOVRA  provvista di programmi di auto ripristino ed auto alimentazione. Mette radici profondissime e conduce, anche nel caso di un "innocuo" legamento, a delle malattie fisiche  a distanza di 8-10 anni dall'introduzione del programma di dipendenza.  Uno dei primi sintomi dell'esistenza di un maleficio sono le emicranie  (si manifestano presto e  non hanno mai una causa chiara).

Il maleficio si fa con i rituali magici, tranne alcuni suoi tipi (soprattutto nell'ambito della famiglia). Un maleficio ha sempre un programma CENTRALE: per attirare sessualmente, per costringere a sposare, per ottenere un crollo finanziario, per creare un sigillo della solitudine, per far ammalare o morire... la fantasia  maligna dell'essere umano non conosce limiti come non li conosce l'invettiva dei maghi.



La PIOVRA  comprende:
- il programma CENTRALE;
- il programma NUCLEO;
- il programma LIQUIDATORE (ovvero il blocco della morte, diretto sia contro la vittima sia contro un eventuale operatore che vorrebbe eliminare il sortilegio);
- il programma di GUARDIA;
- il programma  ATTIVATORE  (ripristina i programmi eliminati);
- il programma di CRESCITA (una sorta di metastasi);
- il programma di DIFESA;
- i CANALI:
- il canale di PERDITA DI ENERGIA;
- il canale di SOSTEGNO;
- il canale d'INFLUENZA  (dal mandante);
- il canale di COLLEGAMENTO CON IL MONDO INFERNALE (Eh sì, alla fine tutte quelle energie ALIMENTANO IL LATO OSCURO DELL'UNIVERSO!).

Il "bello" è che ciascuno di questi programmi sopraelencati potrebbe avere più di uno STRATO o ognuno di loro potrebbe avere  diversi programmi in più, soprattutto i liquidatori e gli attivatori. Potete immaginare  che lavoro deve fare un operatore "bianco", ovvero un operatore della radionica russa, per eliminare il mosaico fatto di un groviglio di canali  con i rispettivi programmi. Ci sono delle scorciatoie, a volte siamo fortunati. Dipende.  Ma per lo più si tratta di un lavoro  che richiede concentrazione e tempo.



Inoltre, i malefici creano nell'organismo - IMMANCABILMENTE - i CENTRI PATOLOGICI che assicurano il radicamento del male. 
Possono trovarsi nel cervello, nel sistema nervoso vegetativo, nel  midollo spinale, ecc. Sono, per esempio, il "centro della paura patologica", "centro dell'aumento peso", "centro della schiavitù", "centro Diavolo" -  il nome rende idea!, e tanti altri. Per le dipendenze (alcool, droga, gioco, sesso) legate ai malefici si creano dei centri specifici (centri di PIACERE ed altro).

Ho scoperto l'esistenza dei malefici karmici  i cui tentacoli possono colpire non solo la persona interessata ma anche il suo nucleo famigliare compresi gli animali domestici...

E' possibile eliminare da soli questi programmi così ramificati senza ricorrere a certi  sedicenti operatore dell'occulto? 
Si certo, ma solo con i mezzi che offre la radionica russa. E quando inizi a lavorare puoi stare certo che scoprirai cose che nemmeno immaginavi.. e troverai delle tecniche tue, perché non esistono due malefici uguali.
L'argomento è affascinante, e il campo di ricerca è vastissimo.
Alla prossima!




mercoledì 2 ottobre 2013

SEMINARIO SULLA RADIONICA ESOTERICO-SCIENTIFICA RUSSA



Seminario  “I PRINCIPI BASE DELLA RADIONICA ESOTERICO-SCIENTIFICA RUSSA.
LA PULIZIA E LA PROTEZIONE DEI CORPI NON FISICI DELL’UOMO: IL PRIMO PASSO VERSO LA GUARIGIONE.”



Per informazioni: olgasamarina5@gmail.com

L.Zubova "Il Fiume dell'Eternità"
Le materie che presento in questo seminario sono una sintesi di due principali metodi radionici russi, entrambi basati sul concetto del biocomputer umano: la “Medicina Multidimensionale” di L.Puchkò (solo alcuni aspetti)  e “Le Energie della Guarigione e la Formula dell'Appello” di Pavel-2 (soprattutto).

Oltre a questo, si fa una panoramica sulle altre tecniche bio-energetico-informazionali russe: la terapia olografica, le forme-pensiero, le visualizzazioni. La galassia delle tecniche russe è davvero vasta. Ho dato la preferenza ai metodi basati sull'uso del pendolo e sul contatto dell'operatore con il proprio Sè Superiore. 
I miei metodi preferiti non hanno nulla in comune con le tecniche di Grabovoj o Petrov, dei quali molti hanno già sentito parlare o letto nei libri.
Non è possibile in due giorni  spiegare tutti gli aspetti della materia che è immensa e richiede anni di studio, così come sto facendo io dal 2007.
Tuttavia, c’è un aspetto molto importante per tutti coloro che lavorano con le energie sottili: è la PROTEZIONE DELL’OPERATORE.  E' questo il tema del seminario.
Per  avere una efficace protezione un operatore deve essere energeticamente pulito. A partire dai suoi corpi sottili o "non fisici" come li chiamano i russi.

In molti penseranno: ma ci sono già tanti metodi della pulizia energetica, li conosciamo già...

Vero.
Invece, questa volta si parlerà delle tecniche di difesa informazionale, ottenute a applicate tramite il dialogo con il nostro Sé Superiore (sintesi dell’Anima, Spirito e Subconscio) e l’uso cosciente dell’aiuto che ci possono dare i Campi del Sistema della Mente Suprema  e le sue Intelligenze, a cominciare dal nostro Angelo Custode.

Non è una materia che possa interessare coloro che  aspirano ai “salti quantici” o ai rapidi risultati  miracolosi. Questo lo devo dire subito e mi rendo conto che la maggioranza di noi esseri umani  spera nei miracoli e spera di trovare un metodo facile che garantisca un veloce risultato... Anche a me piacerebbe... Ma dobbiamo anche  capire che  certi risultati sono strettamente connessi con la nostra crescita spirituale.   Niente ci è mai regalato, un risultato va guadagnato sul campo.

In Italia c’è già un ristrettissimo gruppetto di entusiasti che stanno lavorando con questi metodi  e hanno raggiunto  dei risultati molto promettenti.   Per far capire però, come si fa, prima  dovrò spiegare  le basi della “radionica esoterico-scientifica russa” – non  lasciamo nulla al caso. Ecco perché la materia del seminario è molto articolata.
Quindi, siano benvenuti coloro che vogliono conoscere le tecniche russe che portano alla crescita spirituale  molto consapevole e sono per nulla  difficili se amiamo lo studio e siamo capaci di lavorare con il pendolo.
Una buona conoscenza della radiestesia è indispensabile per questo corso, ma ho anche visto persone che avevano cominciato da zero e  in breve sono diventate molto brave. Tutto dipende da ciò che vogliamo fare.

I partecipanti del seminario svoltosi a settembre 

Claudio: “...Credo che sia un grande metodo, complesso ma un grande metodo; le malattie e gli squilibri  hanno mille facce e mi  sembra che questo metodo le prenda dentro tutte”.

Giovanni: “...Approfitto per ringraziare innanzitutto Olga per l'impegno e la passione infusa nel trasmetterci le sue conoscenze e  tutto il gruppo per le belle giornate passate in allegria”.

Paolo: “...Che bel corso e che belle giornate passate insieme.
Grazie ancora”.

Sandra: “...Ti ringrazio per il tuo lavoro che, come sempre, è schematico, comprensibile e ... "magico"! 

Programma


I.       LE  CARATTERISTICHE DELLA “RADIONICA RUSSA” E LE SUE PROFONDE RADICI.
-       L’amore russo per l’esoterismo;
-       Le particolarità della radionica spirituale russa.

II.    LE BASI TEORICHE DELLA RADIONICA ESOTERICO-SCIENTIFICA RUSSA:
1.   L’universo olografico e l’uomo olografico;
2.   I principali concetti della terapia olografica;
- La terapia olografica di Aleksandr Borovsky;
- Le tecniche olografiche contro gli stati psico-emozionali negativi;
- Il quadrante retro causale di Olga Samarina.

3.   Il campo torsionale nella  scienza e nella radionica russa; i campi torsionali e la nostra vita.
-       La teoria;
-       Le proprietà del campo torsionale secondo gli scienziati e le sue applicazioni.

4.   Il campo torsionale è uno dei campi del Sistema della Mente Suprema.
-       “Le Energie della Guarigione e la Formula dell’Appello”: un importante passo nello sviluppo della radionica russa;
-       L’accesso del radiestesista al campo torsionale;
-       I dispositivi energetici che “catturano” e “trasmettono” il campo torsionale;
-       Il  pendolo Ptah visto nell’ottica del campo torsionale.


III.LA PIONIERA:  LIUDMILA GRIGORIJEVNA PUCHKO’ E LA SUA .“MEDICINA MULTIDIMENSIONALE”.
1.    I principali concetti della Medicina Multidimensionale.
-       La dottrina del biocomputer umano;
-       14  pilastri del metodo Puchkò.

2.    Le vibrazioni  negative sono le cause profonde delle malattie.
-       Le entità aurali e terrestri;
-       Le strutture di “magia nera”;
-       I programmi e le egregore;
-       Le strutture energetiche multidimensionali di comando;
-       Le infezioni sottili;
-       Gli engrammi;
-       Le incoordinazioni delle controparti energetico-informazionali rispetto alle strutture fisiche;
-       Il sistema dell’esperienza condensata.

3.    La definizione di una causa profonda: le lunghezze d’onda e i codici numerici.
4.    Le Sequenze Vibrazionali “ottimizzate”.
-       La Lingua Unitaria di Frequenze;
-       Alcuni cenni sulle sequenze vibrazionali Puchkò;
-       L’anatomia di una Sequenza Ottimizzata e il suo modo di utilizzo.

IV.L’EVOLUZIONE DELLA “MEDICINA MULTIDIMENSIONALE”: “LE ENERGIE DELLA GUARIGIONE E LA FORMULA DELL’APPELLO”.
1. Le  caratteristiche del metodo di “Pavel-2”. Il Sistema della Mente Suprema”.  I suoi livelli e  la sua struttura (semplificata).  Interazioni tra L’uomo e il Sistema della Mente Suprema.
 -  Che cosa  significa lavorare con gli archivi dell’Akasha per la ricerca delle informazioni.

2. il Sistema della Mente Suprema.
-Il livello inferiore – «Dio Figlio» - sistema dell'esperienza condensata delle forze spirituali dell'umanità;
- Il livello mediano – «Dio Spirito Santo»: Angeli Custodi, Determinatori, Egregore;
- Il Livello Superiore – «Dio Padre» - le essenze della Mente Suprema;
- l'Akasha (archivio) e l'Akasha (rilascio delle informazioni). Come effettuare l'accesso all'Akasha.

3. I Campi del Sistema della Mente Suprema. 
- I campi Molecolare, Gravitazionale e Antigravitazionale;
- Altri campi . Il campo e il corpo olografico. Conoscerli per tentare delle guarigioni “impossibili”.

4. La gestione dell’organismo umano.
-  Il livello superiore della gestione: Sé Superiore;
-  Il livello strutturale: i corpi non fisici;
-  Il livello del corpo fisico.

5. I corpi non fisici e le loro patologie.
- Una nuova suddivisione dei programmi negativi che colpiscono i corpi non fisici;
- Che cos’è davvero la nostra Aura?

6. La qualità del lavoro radionico.Perché le cure radioniche falliscono o hanno un risultato instabile. Come evitarlo.
- La differenza tra il guaritore e l'operatore radionico. Operatori «oscuri»;
- L'attendibilità delle risposte del pendolo;
- I fattori che influenzano i risultati di un operatore radionico medio;
- Il protocollo di avvio del lavoro per  gli operatori principianti;
- L'importanza della questione «energia» nelle cure radioniche;
- Alcuni semplici metodi per incrementare la nostra energia.

7. La Formula dell’Appello. Uno strumento di lavoro semplice ed universale.
- Il modulo dell’Appello;
- La struttura di un Appello a Dio;
- I vantaggi e il meccanismo d’azione  di un Appello a Dio;
- I tipi di Appelli. L’Appello con l’Obiettivo Preciso: la più potente arma a nostra disposizione;
- Le reali potenzialità degli Appelli a Dio: quando sono efficaci e quando è meglio non usarli per la cura del corpo fisico.

8. Altre  tecniche radioniche russe.
- Appelli all’Arcangelo Michele (canale SOS);
- Forme-pensiero;
- Visualizzazioni o Forme-Immagine.

9. L’analisi “torsionale” e le tecniche della pulizia dei corpi non fisici. La protezione dei corpi non fisici.
- Il meccanismo dell’analisi torsionale;
- Come mettere la protezione;
- Il vero significato della protezione.

10. Il Sé Superiore e la sua pulizia.

11. I primi passi dopo la pulizia: controllo dello stato dei chakra e dei meridiani.
- Il ruolo e la struttura dei meridiani energetici secondo “Le Energie della     Guarigione”;
- I problemi dei chakra (polarità, potenza dell’irradiazione, frequenze).

12. Alcune tecniche per guarire gli animali.
13. Il pendolo non fisico.



A Genova, 9-10 novembre 2013, 
presso il circolo ARCI "30 giugno"
Salita degli Angeli 70


...Come illustrazione per la presentazione della radionica esoterico-scientifica russa ho scelto alcuni quadri della pittrice russa Liuba Zubova:  un magnifico mondo esoterico e sognante, fermo nell'Eterno Presente... 

L.Zubova "Il sogno di una perla"