mercoledì 23 gennaio 2013

LA "WAVEGENETIC" DI PIOTR GARIAEV E LA NUOVA MEDICINA





CHE COS’E’ LA GENETICA ONDULATORIA





Peter (Piotr) Gariaev, Ph.D., è famoso per la sua scoperta dell’”effetto fantasma del’DNA”, ed è uno dei fondatori della Genetica Odulatoria.  Gariaev lavora con un team di genetisti e linguisti a Mosca e in Canada.

Il punto di vista dominante rispetto alla genetica e alla biologia molecolare dice:

-       l’apparato genetico funziona puramente come una struttura materiale;

-       tutte le funzioni di controllo genetico di un organismo occupano il 2% circa del DNA, il restante 98% è considerato “junk DNA” che non esegue funzioni genetiche.

La quintessenza della teoria del genoma ondulatorio, invece, può essere  rappresentata così:
-       l’apparato genetico è considerato un bio-computer quantistico che utilizza  le strutture verbali  della struttura del DNA, del RNA e delle proteine per la gestione dell’organismo;
-       questo bio-computer genera onde acustiche ed elettromagnetiche (suono e luce) per trasportare l’informazione 4D usata dai biosistemi;
-       IL DNA  è un’istruzione-testo che gestisce l’organismo;
-       Il ruolo del DNA-spazzatura è, in realtà, strategico, perché codifica la struttura e le funzioni degli organismi viventi secondo i tre fondamentali principi:  linguistico, olografico e non locale.

In altre parole, la genetica ondulatoria  stabilisce la primarietà dell’attività energetico-informazionale, opposta alla biochimica.  Questo principio, quando sarà accettato dalla linea ufficiale (per il momento Gariev ha non pochi contestatori anche in patria), trasformerà radicalmente la scienza genetica.



IL "CODICE DI DIO"

Gli accademici P.P. Gariaev e V.I.Voronov hanno fatto un esperimento lavorando con il testo della preghiera “Padre nostro” scritta  con l’aiuto di proto alfabeto slavo. Il testo della preghiera, scannerizzato  con un laser biologico, è stato trasformato in immagini e suoni. Possiamo vedere che cosa è venuto fuori: l’antica preghiera è diventata un quadro multicolore fantascientifico, accompagnato da una  bellissima melodia.








LE SCOPERTE DEGLI SCIENZIATI RUSSI



I maestri spirituali hanno sempre saputo che il nostro corpo può essere  programmato con la parola e con il pensiero. Ora questo è provato dalla scienza, se accettiamo l’ipotesi che il genoma umano funziona come  una versione biologica di Internet, essendo molto più potente dell’internet che conosciamo.  I recenti esperimenti degli scienziati russi spiegano i fenomeni coma la chiaroveggenza, l’intuizione, la guarigione a distanza, l’autoguarigione, l’efficacia degli affermazioni, l’influenza della mente sui pattern meteorologici e molto altro.

Inoltre, si sta sviluppando la nuova medicina che riprogramma la molecola del DNA con  aiuto della parola e delle frequenze, senza l’estrazione/cambio dei singoli geni.



IL DNA – SPAZZATURA RICORDA IL LINGUAGGIO UMANO



Solo il 10% del nostro DNA  è utilizzato per costruire proteine, ed è proprio questa parte del DNA che è stata studiata e catalogata dagli scienziati occidentali. Il restante 90% della molecola è considerata “scarto” o “spazzatura”. Essendo convinti cha la Natura non poteva essere così sciocca, gli scienziati russi hanno messo insieme genetisti e linguisti per studiare il DNA-spazzatura. E i loro risultati sono rivoluzionari:  non è solo responsabile della costruzione del nostro corpo, ma è anche un mezzo di immagazzinamento di dati ed informazioni.
Il DNA spazzatura, gli alcalini del nostro DNA, seguono la normale grammatica e le regole del linguaggio umano.
Premesso che la struttura base del DNA e il linguaggio sono simili, non è necessaria alcuna decodifica del DNA, basta parlargli! Questo spiega scientificamente perché affermazioni, ipnosi e simili possono avere effetto tanto potente sugli esseri umani (la sostanza viva del DNA nel tessuto vivo reagisce ai raggi laser modulati dal linguaggio ma anche dalle onde radio).

L'EFFETTO FANTASMA

E’ stato scoperto che il DNA funziona come una spugna che assorbe la luce: una molecola del DNA messa in un contenitore di quartz aveva assorbito  tutti i fotoni di luce  conservandoli poi sotto forma di una spirale.
Non siamo abituati a pensare alla luce come a qualcosa che può essere conservato; la luce  vola nello spazio a velocità incredibile. Anche le piante non sono capaci di conservare la luce durante la fotosintesi,  trasformandola subito in clorofilla.  Che cosa conserva la luce nel DNA? Come essa  si conserva? Perché?
Quando Gariaev aveva tolto il DNA dal contenitore non pensava che potesse accadere qualcosa, ma era accaduto questo: laddove fino a poco tempo fa c’era la molecola del DNA, la luce continuava a esistere sotto forma di una spirale.
Come si spiega il fenomeno? L’unica spiegazione razionale e scientifica era  questa:  esiste un campo  di energia che si unisce al “fantasma”, al “doppio” energetico del DNA. Questo “fantasma” mantiene e conserva la luce.
Stando a questa scoperta, tutto il nostro corpo deve avere il suo doppio energetico, e quindi, esiste un campo informazionale che detta alle nostre cellule il lavoro da fare.
Anche dopo essere  coperto dall’azoto liquido il fantasma non muore: prima sparisce ma ritorna già tra 5-8 minuti. Per quanto tempo continua a vivere il fantasma? Per circa 30 giorni.
 Si pensa che noi abbiamo un doppio energetico  che interagisce con un campo energetico sconosciuto alla scienza tradizionale; si potrebbe chiamarlo il campo della Fonte. Se in questo momento voi siete seduti  sulla sedia leggendo queste righe, ma poi vi alzate e se ne andate, il vostro doppio energetico continua a  comporre  piccole spirali di luce laddove eravate seduti, dentro  trilioni  di molecole del DNA per almeno 30 giorni. Gariaev è riuscito a misurare il nostro doppio: assomiglia a un perfetto ologramma del nostro corpo.



IL DNA CONSERVA, TRASFORMA E EMANA UNA LUCE ARMONICA

Il ricercatore Fritz Albert Popp (fisico teorico dell’università di Marburg, Germania) non aveva scoperto il fantasma del DNA ma il suo lavoro è strettamente collegato con le ricerche di Gariaev.
Trattando il benzopirene – una sostanza altamente cancerogena – con una luce ultravioletta, aveva scoperto che  questa assorbiva la luce per poi  emanarla ma con un'altra lunghezza d’onda, assolutamente innocua per un organismo vivente. Aveva scoperto anche che altre 37 sostanze chimiche, tra cui alcune cancerogene,  trasformavano così la luce ultravioletta. Tutte queste sostanze prendevano la luce avente la lunghezza d’onda pari a 380 nanometri  e la trasformavano.  Evidentemente, la luce con questa lunghezza d’onda è molto importante per la nostra salute.
In seguito Popp aveva stabilito che se una cellula, morta al 99%, riceveva un impulso  con questa lunghezza d’onda, era capace di  risorgere in brevissimo tempo.
Dunque, si pensa che  quando l’energia della Fonte entra nella nostra realtà misurabile lascia la sua firma elettromagnetica  con la lunghezza d’onda di 380 nm.
Popp aveva supposto che uno degli aspetti - chiave del funzionamento del DNA è la capacità di conservare e di emanare luce, la tesi confermata più tardi da Gariaev.
Popp aveva anche scoperto che tutto ciò che vive emana fotoni di luce armonica simile ad una luce laser.
Quando siamo stressati cominciamo a  perdere i fotoni di luce senza accumulare la  luce complementare. Questo è molto importante, dal momento che sappiamo che molte malattie sorgono a causa dello stress: provando le emozioni negative noi perdiamo la luce che si conserva nel DNA delle nostre cellule. E quindi, per  ripristinare la salute, dobbiamo ricaricare il DNA.
Ma se solo lo strato esterno dell’epidermide è sottoposto ad illuminazione, come allora la luce entrerà negli strati profondi dei nostri corpi? Forse i fotoni di luce possono arrivare direttamente dalla Fonte (strettamente collegata alla coscienza)? Possono i nostri pensieri e le nostre emozioni influenzare la quantità di luce che entra?


IL DNA REAGISCE ALLA COSCIENZA UMANA (E QUESTO PUO’ ESSERE MISURATO)

Le spirali  DNA di una cellula morta sono staccate; esse si ricollegano quando la cellula cerca di riparare un danno (guarire).
Glenn Rein, Ph.D., dell’Università di Londra, aveva collocato un campione del DNA umano vivo nell’acqua distillata per esporla all’influenza mentale di un gruppo di persone. E’ risultato che le persone aventi l’attività cerebrale armonica riuscivano a influenzare di più la struttura del DNA, mentre le persone molto eccitate o  di cattivo umore creavano uno spostamento della luce ultravioletta che il DNA assorbiva (alla lunghezza d’onda pari a 310 nm, molto vicina ai 380 nm di Popp). Dunque, i nostri pensieri riescono a procurare i cambiamenti chimico-fisici  nella struttura della molecola del DNA, scollegarla e ricollegarla.   Potrebbe esserci un collegamento  tra i pensieri rabbiosi e la crescita del tessuto cancerogeno.
Ma le persone potevano influenzare il DNA solo se volevano farlo, e la distanza qui non ha nessuna importanza: Valery Sadirin  stando a Mosca poteva scollegare e ricollegare le spirali del DNA che si trovavavo nel laboratorio di Rein in California, a migliaia di km di distanza. Secondo Rein l’amore è la chiave per armonizzare l’attività cerebrale ed influenzare il DNA.
Si pensa che  il campo della Fonte crei il DNA-fantasma e conservi la luce nella molecola del DNA.
Si pensa che il pensiero cambi prima il DNA-fantasma e solo dopo  si riscontrano cambiamenti  nella molecola fisica.
Si pensa che è l’Amore sia la caratteristica  più importante dell’energia della Fonte.
Per la prima volta abbiamo una definizione scientifica dell’Amore:  significa una maggiore organizzazione, una maggiore strutturazione, una maggiore cristallizzazione delle molecole, delle cellule, dei campi energetici  nei nostri corpi.
Più siamo armonici, più siamo cristallizzati, più amore circola. E come  evidenziano le ricerche fatte sulle Piramidi Russe, questo influenza direttamente lo stato della Terra, di nuovo facendo supporre che, in un certo modo, stiamo vivendo   dentro un sogno lucido collettivo.
                                                      




TRASFORMAZIONE GENETICA E LA GUARIGIONE



La luce del laser è molto armonica ed è altamente strutturata. Durante un esperimento sui topi fu stabilito  che l’informazione  raccolta dal laser  dopo essere inviata sul pancreas sano riesce a guarire i topi  con il pancreas colpito da alloxan (tossina che provoca  una morte di diabete in pochi giorni). Sfruttando l’effetto non locale, Gariaev diresse la luce dal pancreas sano a distanza di molti km, e l’effetto fu altrettanto forte.  Già nel 2005 il ricercatore aveva comunicato che  con queste tecniche   si riusciva a far crescere i denti e a fermare  il processo d’invecchiamento. Denunciò i risultati ottenuti durante la cura di una donna anziana caricandola  dell’energia che conteneva il sangue di suo nipote di 10 anni. Secondo il modello di Gariaev, il DNA del bambino contiene le firme energetiche dei suoi antenati  ma in una configurazione giovane e sana. Per questo si usa il laser rosso a largo spettro, modificato appositamente.

Un altro scienziato russo, Budakovski,  aveva provato  l’inutilità di trapianto degli organi. Inviando l’ologramma di un esemplare di lampone ottenuto con il laser rosso su quello colpito da un tumore,  vide sparire completamente il tumore. Questo prova  che  tutto ciò che ci serve è  l’informazione codificata, ma per ottenerla non serve il tessuto vivo,  perché il codice informazionale si può ottenere tramite la luce armonica.  In questo caso,  l’ologramma del lampone aveva codificato  l’informazione che aveva”suggerito” al tessuto la via per guarire.

Anche noi siamo in grado di aiutare le altre persone, gli animali, le piante ecc se riusciremo ad armonizzare  i nostri pensieri, solo così miglioreremo la nostra capacità di “centrare” il campo della Fonte per accedere ai codici della vita che vi si trovano. Questa informazione  la otteniamo tramite la luce ultravioletta (l’unica che la fa passare), così come otteniamo l’informazione visiva tramite la ghiandola pineale e i nostri corpi sottili.





IL DNA E’ COLLEGATO ALL’ENERGIA DEL “VUOTO”

Secondo gli scienziati russi il DNA può creare dei pattern invisibili nel vuoto cosmico, creando così nell’Universo dei collegamenti-tunnel  capaci di trasmettere l’informazione al di là del tempo e dello spazio (ipercomunicazione).  La  ipercomunicazione  esiste nella matura da milioni di anni (i “campi morfogenetici”), noi possiamo accedervi  sotto forma d’intuizione o d’ispirazione.
 Gli effetti collaterali che a volte si osservano durante la ipercomunicazione tra persone è la creazione degli inspiegabili campi elettromagnetici  (guasti negli apparecchi ecc). In realtà, il campo elettromagnetico deriva dal campo torsionale (l’energia della coscienza collegata al DNA), è il campo torsionale che  crea dei micro tunnel spazio-temporali.


LE APPLICAZIONI PRATICHE DELLA GENETICA ONDULATORIA: LE MATRICI DELLA GUARIGIONE







Una delle principali applicazioni delle ricerche russe è la messa a punto dei principi della correzione dello stato bio-chimico-fisiologico dell’organismo umano, allo scopo di ritardare l’invecchiamento.

Il raggio del bio-computer quantistico sonda il campione (una goccia di sangue contenente le cellule staminali, un follicolo del capello, una fotografia del soggetto). Avviene una scansione /lettura spin-torsionale dell’equivalente ondulatorio dei dati genetico-metabolici, e la sua istantanea trasmissione non locale, utilizzando i fotoni del raggio laser.  Di fatto, la funzione del bio-computer quantistico è la stessa  della cellula nei confronti del proprio apparato genetico: esso legge  in tempo reale l’informazione ondulatoria, polarizzata,  delle cellule e dei tessuti dell’organismo. Proprio l’informazione polarizzata è il principale fattore della gestione dell’organismo. In seguito questa informazione  viene convertita in una banda di lunghezza d’onda ampia, comprese le onde radio.

Le matrici che utilizzano le onde  ampie dell’irradiazione elettromagnetica  rappresentano il fattore che spingono il soggetto a ritornare nello stato  giovane. Una “matrice” così ottenuta può essere  trasformata in un file audio  (mp3) che conserva l’informazione ottenuta con i metodi descritti prima.

Questi file mp-3  rappresentano dei bio-regolatori acustici dell’organismo umano.







Nel laboratorio di Gariaev  sono stati preparati i seguenti programmi  registrati su CD:
programma n.1 – correzione del sistema immunitario
programma n.2 -  correzione dei processi metabolici della circolazione, delle ossa e del cervello;
programma n.3 – oncologia;
programma n.4 – correzione dei processi metabolici in generale;
programma n.5 -  stop all’invecchiamento (versione 1)  - ferma l’invecchiamento all’età attuale (e blocca molti processi oncologici);
programma n.6 – stop all’invecchiamento (versione 2) . Utilizza i follicoli dei capelli del paziente, anche questa ferma l’invecchiamento all’età attuale.

Tutti i programmi sono  strettamente individuali.



In seguito il paziente deve soltanto ascoltare la registrazione dei “rumorini” , prima di andare a dormire oppure durante il sonno, anche con le cuffie, per qualche settimana.  E’ anche possibile un breve “aggravamento omeopatico” durante questa cura.

Testimonianze

1.     “...Mia figlia, Alissa Djulai, è stata curata di mucoviscidosi (malattia  genetica, malattia fibrocistica del pancreas) con i metodi di genetica ondulatoria. Il dott. Gariaev aveva fatto una scansione  speciale della foto di una cugina di mia figlia. Questa foto conteneva i fattori di resistenza alla mucoviscidosi e fungeva da anello di congiunzione – così ci è stato spiegato – tra le due ragazze tramite l’ologramma cosmico secondo le teoria di Bohm-Vernadski-Berkovic. 
      Ci è stato anche spiegato che si è trattato  di  applicare  la tesi della non località quantistica delle particelle elementari  tramite il collegamento di 3 componenti della guarigione e cioè, della foto della cugina (perfettamente sana), poi di quella di Alissa (malata) e dell’ologramma cosmico dove è rappresentato tutto ciò che vive  compresa l’umanità intera.
      La scansione poi  è stata trasformata in un file audio. Da 5 mesi  mia figlia  ascolta regolarmente il  suo CD, 4 volte al giorno. Devo dire che tutte le tecniche di cura che avevamo provato prima erano risultati inefficienti. Ora Alissa sta bene, aveva preso il raffreddore solo una volta e della durata di 2 giorni, respira bene, non ha più tosse.  Prima  aveva una bronchite cronica  praticamente sempre. Per noi è un grande successo nella cura di questa malattia genetica incurabile. Un grande grazie all’accademico Gariaev e ai suoi colleghi! “
Dinara Tangiarik, Kazakhistan.

2.     “... Avevo ascoltato il CD  per due settimane,  non più di una volta al giorno.   Durante i primi due giorni  ho avuto delle sensazioni strane nel naso e nella testa.  Dopo circa un mese ho notato nei capelli una crescita scura,  ben visibile sui capelli completamente bianchi. Questi capelli sono molto sottili ma crescono velocemente  e sono già lunghi 5-6 cm... “.
Vadim Maslov,  Cipro

3.     “...Da due anni ho un tumore alla mammella. Da qualche mese  ascolto il CD  fatto in base alla mia foto da bambina e guardo il filmato accompagnato da una musica rilassante. I cambiamenti ci sono: dormo bene, ho ricominciato a pensare al futuro, sentire il gusto del cibo, e sono in grado di fare molte più cose durante la giornata. Ora non voglio fermarmi, e ringrazio l’accademico Gariaev per ciò che sta facendo...”
Eva Potarciuk, Polonia