Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 20 maggio 2013

IL CONCETTO DEL CAMPO TORSIONALE NELLA SCIENZA E NELLA RADIONICA RUSSA



I campi torsionali e la "Medicina Multidimensionale" della Puchkò


Il sistema dell’(auto)analisi e dell’(auto)guarigione che offre  la “Medicina multidimensionale”, metodo  messo a punto da L.G.Puchko e sviluppato nelle ulteriori studi russi,  è basato sull’uso delle proprietà uniche dei campi torsionali.   Anche l’uomo ne è la fonte.

Che cosa dice a proposito la Puchkò? (“Medicina Multidimensionale”, Mosca, ed. ANS, 2008):
  • -      Il pensiero rappresenta una fonte dell’irradiazione torsionale che lascia una traccia-”fantasma” sia sulle altre persone sia sugli oggetti. Questa traccia, in teoria, potrebbe essere conservata per secoli a venire (“effetto memoria”). Ecco perché è possibile l’analisi radiestesica con l’uso del testimone (un‘impronta digitale, una ciocca di capelli, una foto);
  • -       Le frequenze torsionali occupano la banda d’irradiazione che va da 1020 a 1040  Hz. Ogni nostro corpo sottile irradia su una determinata banda del campo torsionale.  Il concetto delle vibrazioni più sottili significa che si tratta delle frequenze più alte (per esempio, il corpo spirituale ne possiede più alte rispetto al corpo astrale);
  • -       La velocità delle onde torsionali è di 109c, dove la “c” significa la velocità della luce;  la distanza qui non ha alcun significato. L’analisi con l’impiego dei campi torsionali potrebbe effettuarsi all’istante e a qualsiasi distanza.
  • -       L’irradiazione torsionale penetra qualsiasi ambiente o materiale e non può essere schermata. Grazie a questa caratteristica un radioestesista può analizzare qualsiasi organo, tessuto, cellula del suo organismo o di quello di un’altra persona.
  • -       A differenza dall’elettromagnetismo dove le cariche uguali si respingono, le cariche torsionali dallo stesso segno si attirano (il simile attira il simile), spiegando i fenomeni di risonanza ondulatoria che possono insorgere spontaneamente tra il guaritore/radioestesista e il paziente, nel caso se entrambi dovessero possedere le cariche patogene uguali.

-        Ecco perché  soltanto l’autoanalisi e l’autoguarigione radionica possono essere considerati assolutamente innocue.


A dire il vero, nei successivi studi (“Le Energie della Guarigione e la Formula dell’Appello”), è stato scoperto il modo per arginare questo fenomeno: si tratta della pulizia permanente e della protezione dei corpi non fisici dell’ operatore radionico.
Queste tecniche richiedono studi ed impegno da parte dello studente, ma non sono impossibili da imparare e danno, soprattutto, degli ottimi risultati (dall’esperienza personale mia e di alcuni studenti della radionica “russa”).




Ma vediamo più in dettaglio i concetto dei campi torsionali.

La convinzione che tra ciò che succede sulla Terra e nel Cosmo ci fosse un legame è vecchia come il mondo.  Lo dicevano anche i grandi scienziati dell’antichità, molti dei quali avevano anche sperimentato gli effetti della coscienza allargata avendo avuto l’immediato accesso a certe verità nascoste. I limiti delle teorie odierne che spiegano la struttura dell’Universo fanno pensare ad alcune idee antiche.
Così, l’idea che l’informazione possa essere trasmessa se non all’istante, per lo meno alla velocità che supera molte volte quella della luce, aveva generato le ipotesi circa l’esistenza dei campi  tachionici, leptonici, torsionali.  Il riconoscimento della sola irradiazione elettromagnetica non permetteva la spiegazione di molti  fenomeni osservabili.

Le caratteristiche dei campi torsionali

Nel 1913 il fisico francese Eli Cartan  dimostrò per primo che il flusso di spazio e tempo possedeva in se stesso anche un movimento di rotazione o spiraleforme conosciuto come “torsione”.
La teoria di Cartan però, non venne presa troppo sul serio, poiché venne fuori prima dell’epoca della fisica quantistica, durante un periodo in cui si credeva che particelle elementari come gli elettroni rotassero o girassero intorno al nucleo.
Nel 1993 il fisico russo Gennadij Shipov  aveva provato teoricamente le idee di Cartan, nel  libro “La teoria del vacuum fisico”.
Se i campi gravitazionali sono generati dalla massa, e i campi elettromagnetici dalla carica, i campi torsionali sono formati dallo spin. In meccanica quantistica lo spin (“giro vorticoso”, in inglese) è una grandezza, o numero quantico, associata alle particelle, che concorre a definire lo stato quantico.
La teoria dei campi torsionali possiede alcune qualità che differiscono radicalmente dai dogmi della scienza odierna. 
Per esempio:
  1. Sia l'energia sia l'impulso del campo torsionale sono pari allo zero;
  2. Il campo torsionale trasmette l'informazione senza smuovere l'energia;
  3. L'intensità dei campi torsionali non dipende dalla distanza dalla fonte del campo; 
  4. I campi torsionali sono presenti in tutti gli ambienti naturali e non possono essere schermati;
  5. Le onde torsionali viaggiano alla velocità che supera non meno di 10*0 volta quella della Luce.

Il vacuum fisico si comporta, rispetto alle onde torsionali,  secondo le leggi dell’ologramma. Quando un oggetto viene fotografato,  la foto emulsione  evidenzia   sia il flusso elettromagnetico dell’oggetto  sia l’irradiazione torsionale che cambia l’orientamento “spin” degli atomi dell’emulsione.
Questo fenomeno permette di sviluppare le tecnologie della ricerca dei  giacimenti non solo sulla Terra ma anche  sui corpi extraterrestri.
E, dato che  i campi torsionali esistono anche senza  gli oggetti  che li avevano generato, si apre la possibilità  di condurre delle ricerche  retrospettive, nel passato di questi oggetti.

Gli scienziati russi sono i pionieri nello studio dei campi torsionali

I campi torsionali furono attivamente studiati dai russi negli anni 80, con la partecipazione del KGB e del Ministero della Difesa (in un regime di segretezza), e poi,  apertamente, dopo la caduta dell’URSS.
I maggiori promotori delle ricerche furono gli accademici A.Akimov e G. Shipov.
Per la precisione, i riferimenti ai campi torsionali contenuti nelle pubblicazioni di tutto il mondo ammontano a più o meno 10.000 articoli, appartenenti a circa un centinaio di autori. Di questi, almeno la metà lavora in Russia.

La maggioranza degli studi russi è stata influenzata dalle scoperte del prof. Kozyrev (1908-1983) che studiò il fenomeno del Tempo. Il mondo occidentale sa molto poco su N.Kozyrev.
Si tratta di uno dei più eminenti pensatori russi del secolo scorso; fece la sua prima pubblicazione scientifica all’età di 17 anni, a 28 anni era già conosciuto come importante astronomo. Fu arrestato durante le purghe di Stalin, fece 11 anni  di lager, e pare che lì ebbe l’illuminazione meditando sui misteri dell’Universo. Ritenne che tutte le forme di vita dovevano essere composte da una forma di energia invisibile a spirale, in aggiunta alla loro normali capacità di ottenere energia per mezzo di cibo, liquidi, respirazione e fotosintesi. Anzi, la sua  “conoscenza diretta” lo informò che questa energia a spirale era, in effetti, la vera natura e la manifestazione del “Tempo” da noi inteso come un semplice calcolo di durata. 
Tralasciamo qui le importantissime scoperte di Kozyrev  che meriterebbero una descrizione dettagliata.
Secondo Gennadij Shipov, i campi torsionali si formano  nel vacuum fisico. Esisterebbero, secondo Shipov, 7 livelli della reltà: il Nulla Assoluto, i Campi Torsionali portatori immateriali dell’informazione, il Vacuum, le Particelle Elementari, i Gas, i Liquidi, i Corpi Solidi.

   
A.Akimov

G.Shipov

N.Kozyrev



Visto che  questi studiosi  non hanno avuto il timore di ricorrere ai metodi della radiestesia,  avevano collaborato attivamente con il genetista Garyaev, non sempre ben visto dai notabili dalla scienza, e avevano promosso  delle applicazioni dei campi torsionali nella medicina, il loro lavoro  fu dichiarato dalla scienza ufficiale come “preusoscientifico” (1991). Da allora gli studi proseguono con successo nell’ambito delle strutture commerciali private.


I campi torsionali non assomigliano a nessuno dei campi finora conosciuti

Ricapitoliamo: quali sono le principali qualità dei CAMPI TORSIONALI, secondo A. Akimov?

1.   Il Campo Torsionale (CT) si forma attorno ad un oggetto in rotazione e rappresenta la somma di micro-vortici spaziali. Ma la materia possiede sempre il CT perché le molecole  hanno il momento di torsione- spin;
2.   l CT nascono nel vacuum fisico;
3.   l CT possiedonio le proprietà del magnete:  le cariche torsionali dai segni opposti si respingono, ecc;
4.   l CT hanno la memoria. Un oggetto crea nello spazio (nel vacuum) una costante spin-polarizzazione  che vi rimane anche dopo che l'oggetto è stato tolto;
5.   I CT si propagano all'istante – da un punto dell'Universo all'altro, non hanno un parametro come la velocità;
6.   l CT  non sono  campo energetici. Il Campo Torsionale  è un campo INFORMAZIONALE. Il Campo Torsionale = la BASE  INFORMAZIONALE  DELL'UNIVERSO;
7.   L'energia  deriva dai cambiamenti del campo torsionale; i cambiamenti nei  campi torsionali si accompagnano dai cambiamenti nelle caratteristiche fisiche della materia;
8.   Il CT  non  perde l'energia,  e quindi  non s'indebolisce passando attraverso  ambienti fisici;  dal CT non è possibile nascondersi;

9.   L'UOMO è capace di percepire e di trasformare  i CT: IL PENSIERO HA LA NATURA TORSIONALE;

10.I segnali di natura torsionale provenienti da un oggetto possono essere percepiti dal passato, dal futuro e dal presente; non esistono delle limitazioni temporali;

11.I CAMPI TORSIONALI  SONO LA BASE DELL'UNIVERSO.


I campi torsionali e la nostra vita

Le interconnessioni spin-torsionali possono aprire nuove strade nelle ricerche che riguardano la storia dell’Universo.
Le prospettive delle tecnologie torsionali hanno dato una spinta alle ricerche e alla  creazione di vari generatori torsionali.
Nell’aprile del 1986, a Mosca è stata effettuata, in prima mondiale, la trasmissione  dei segnali lungo un canale di comunicazione torsionale.
In seguito si pensava di collocare un trasmettitore torsionale  sulla navicella spaziale “Mars”che doveva studiare  il flusso torsionale proveniente da Marte. Il progetto non andò in porto, fu bloccato.
L’anno 1986 è anche tristemente  famoso grazie alla catastrofe di Chernobyl e ad una serie di altre sciagure  più o meno casuali. 
Qualcuno suggerisce  agli scienziati la prudenza: sperimentando gli scontri delle particelle elementari negli acceleratori, potrebbero danneggiare sia alcuni macro-mondi a noi sconosciuti sia l’evoluzione delle civiltà extraterrestri.
Dal punto di vista dei sostenitori  dei campi torsionali, è proprio questo che ci comunicherebbero le civiltà aliene; e allora la catena delle catastrofi  nell’ anno 1986 potrebbe essere non altro che un avvertimento: forse in questo modo ci suggerivano di non intrometterci nei canali di comunicazione avanzati, ancora inaccessibili per la nostra civiltà!

I campi torsionali  sono la base dell’azione a distanza, da sempre sfruttata dalla magia (bianca e nera), e dalla radionica.  Basta avere un doppio “quantico”  del soggetto: una foto, una ciocca di capelli, degli effetti personali.
A lungo gli scienziati e non solo, e in tutto il mondo, avevano cercato di provare l’esistenza di un ipotetico “biocampo” responsabile degli effetti fisici ed informazionali nella biosfera di cui l’uomo fa parte.  Questa ipotesi poteva, in parte, spiegare la natura dell’azione extrasensoriale, pur a distanza ravvicinata. Ma non poteva spiegare la trasmissione dell’informazione a grandi distanze.  E malgrado intere organizzazioni, anche governative, nell’URSS e negli USA, avevano trovato nel campo torsionale la spiegazione logica della trasmissione dell’informazione a distanza, per la scienza ortodossa questo significava   mettere in dubbio  le fondamenta della fisica moderna, ben consolidate.
E’ stato scoperto  che tramite i campi torsionali fu possibile influenzare un soggetto a qualsiasi distanza  - basta avere a disposizione una sua foto, oppure  leggere l’informazione proveniente dall’soggetto (vedi l’ apparecchio medico-diagnostico Oberon, di V.I.Nesterov).


Yuri Potapov, un ingegnere di Kishinev (Moldavia) ha inventato un dispositivo che ha il coefficiente utile che supera il 100%. Questo  non potrebbe esistere, dal punto di vista della scienza ufficiale.  Come si spiega?  Si tratta di un sistema «aperto», che con l'aito del CT  prende l'energia aggiuntiva dal vacuum fisico. Per chi vuole saperne di più: http://www.universalinternetlibrary.ru/book/potapov/15.shtml,  ci sono delle foto dell'impianto.

Sono sperimentati degli strumenti per le diagnosi mediche a distanza (MetatronTor.Di); per gli interessati, esiste un sito russo con le pagine in italiano che spiega il principio di funzionamento dell'apparecchiatura http://www.tordi.ru/.

Nei secoli molti  hanno cercato la ricetta dell’eterna giovinezza.
Nell’Istituto di Psicofisica Applicata e’ stata elaborata una apparecchiatura unica, che utilizzando un potentissimo generatore (General Operational Device GOD) permette di produrre una ricerca automatica e la correzione di aberrazioni cromosomiche locali che si accumulano in tutta la vita umana, arrestando il processo di invecchiamento.
Correzione delle onde dei genoma è il  presupposto di longevità.
In tutto il mondo gli scienziati sono  alla ricerca di un metodo infallibile per allungare la vita all’essere umano.
Andrey Shmidt dell’Istituto di Psicofisica Applicata di Omsk e i suoi colleghi sono riusciti ad allungare la vita delle cellule di lievito di 20 volte, che è un record negli esperimenti relativi all’allungamento della vita.

Per giungere a questo risultato che supera di 2 volte il precedente record di longevità, gli scienziati, utilizzando un influsso di campi torsionali sinistrorsi polarizzati ad alta frequenza, hanno spento determinati geni.



Il campo torsionale è uno dei campi del Sistema della Mente Suprema. Il campo torsionale e la radionica russa.

Finora abbiamo parlato degli studi scientifici che riguardano il fenomeno. 

Ma esiste un altro approccio, quello esoterico-scientifico, conosciuto molto meno,  che è molto utile a chi s'avventura nella terra incognita della rediestesia e radionica.
La pioniera della radionica spirituale russa fu senza dubbio L.G. Puchkò, che aveva messo le basi del modello biocomputerizzato dell'organismo umano. Ma anche oggi c'è chi continua ad allargare la strada da lei appena accennata.  
Tra tanti metodi che si  ispirano alla Puchkò, e che finora ho potuto conoscere nel web russo,   spicca nettamente i ponderoso lavoro dal titolo «Le Energie  della Guarigione e la Formula dell'Appello», il cui autore,  contribuendo enormemente all'opera della Puchkò, non svela ancora il proprio nome in attesa di finire la scrittura delI'opera  limitandosi di un presudonimo.
Rispettando la sua scelta,  aspetto, insieme agli altri utenti del suo forum,  il momento della conclusone di questo grande lavoro.

E' una domanda retorica, quella che si fa «Ivan»: di che cosa è fatto tutto: Terra, Acqua, Aria, Uomo?  E risponde: tutto è fatto dei vari «campi» del Sistema della Mente Suprema  che creano  strutture energetico-informazionali.

I campi sono 20. I 16 campi «principali» possono essere di tre tipi:
-energetici – servono per  trasmettere l'energia o per l'interazione tra corpi fisici,
-informazionali – per la trasmisisone o l'accumulo dell'informazione;
-energetico-informazionali – servono per entrambi gli scopi.
Esiste anche il campo «temporale», il cui nome deriva dalla parola «tempo».  Il suo unico compito è sincronizzare («sincro-campo»)  ogni passo nei processi che si svolgono nei campi principali. Ogni impulso del sincrocampo  agisce in qualsiasi pinto dello spazio del Sistema della Mente Suprema. Tutti i campi principali, come pure il sincro-campo  sono privi del conceto della «velocità».
Tutti i campi che derivano  da quelli principali sono energetico-informazionali. Secondo «Ivan», la scienza oggi cerca di spiegare l'Universo studiando, spesso separatamente, solo  alcuni campi principali, alcuni campi che da loro derivano e  le loro interazioni servendosi degli strumenti odierni. Che spesso non bastano.

Nella tabella che segue sono riportati  i  campi del sistema della Mente Suprema:  di questi campi è fatto tutto cio che ci circonda, noi stessi compresi. Nella tabella che segue questi campi sono disposti in ordine dell'aumento della loro potenza informazionale, o «dimensionamento», che è il termine più appropriato (significa il numero dei livelli della capacità informazionale del campo).

Sigle:

SMS – sistema della Mente Suprema
I – informazionale,
E- energetico,
EI – energetico-informazionale
C – coscienza
SC – subconscio
F – fisico (corpo)
NF – non fisico (corpo)

Sono indicate le funzioni dei campi, il dimensionamento di ciascuno,  se è accessibile anche alla nostra coscienza, e la zona della sua azione (l'ultima colonna a destra).

I CAMPI DEL SISTEMA DELLA DELLA MENTE SUPREMA

NN
Nome campo
Commento
Dimensiona-
mento
Accessibilità al SC, alla Coscienza (C)
Campo
d'azione
1
Magnetico
Serve per il F
2 – EI
SC + campo magnetico + elettrico
F
2
Elettrico
Serve per il F
3 – EI
SC+luce+magnetico+elettrico (C)
F
3
Elettromagnetico
Serve per il F
4 – EI
SC, odore (C)
F
4
Molecolare
Registrazione,conservazione dell'Informazione.
5 – EI
SC, gusto (C)
F
5
Gravitazionale
Crea interazione
6 – E
SC, C –insieme al campo gravitazionale
Spazio SMS, F
6
Torsionale
Registro, conservazione
dell'informazione
7 – EI
SC
Livello 3 del SMS
7
Antigravitazionale
Crea interazione
8 – E
SC,C  - insieme al gravitazionale
Spazio SMS, F
8
Temporale
Sincronizzazione
9 – Temporale
SC
SMS, F, NF
9
Informazionale e programmatico
Programmazione, Akasha, ecc.
10 – I
SC
Mente Suprema
SMS, Corpi NF
10
Quantico
Immagini olografiche, Akasha, ecc.
11 – I
SC
Mente Suprema, SMS, CNF
11
Cosmico
Prana, Chi, Etere
12 – E
SC
SMS, F, NF
12
Buddhico
Compiti di  comando nel SMS
13-I
SC
SMS, F,NF
13
Eterico
Strutture di campo
14 – EI
SC
SMS, F, NF
14
Astrale
Strutture di campo
15 – EI
SC
SMS, F, NF
15
Intuitivo
Strutture di campo
16 – EI
SC
SMS, F, NF
16
Mentale
Strutture di campo
17 – EI
SC
SMS, F, NF
17
Causale
Strutture di campo
18 – EI
SC
SMS, F, NF
18
Del pensiero
Strutture di campo
19 – EI
SC
SMS, F, NF
19
Olografico
Strutture di campo
20 – EI
SC
SMS, F, NF
20
Psichico
Strutture di campo
21 – EI
SC
SMS, F, NF

I primi 3 campi - magnetico, elettrico, elettromagnetico – derivano dal campo torsionale.  Tralasciamo le caratteristiche, peraltro interessantissimi, di alcuni campi  «inusuali» come molecolare, quantico o informazionale-prpgrammatico,  e ci soffermiamo sul campo torsionale.


L’analisi torsionale

L’accesso cosciente all’informazione del campo torsionale potrebbe servire per avviare un’analisi radiestesica del tutto particolare: l’analisi torsionale.
La radionica russa nota sotto il nome della Medicina Multidimensionale,  avviata dalla L.G. Puchko (1937-2010) è basata sulla ricerca delle cause profonde  dei disturbi  - si tratta dell’informazione negativa a forma d’onda che in primis colpisce e danneggia irrimediabilmente i corpi sottili dell’uomo, finendo poi per colpire i nostri organi fisici.  E’ ciò che sta a monte della cause fisiche/psicologiche  delle malattie.
Il problema è che queste cause sono disposte a “strati”, si accumulano negli anni sovrapponendosi, e per di più, sono capaci di nascondersi se tentiamo uno o più attacchi frontali per scovarle.
Tra i ricercatori dei forum radiestesici c’è chi ha provato ad applicare varie  tecniche mirate da subito  alla ricerca di strati di cause, ma non sempre questa tattica funziona, e soprattutto, malgrado le ore passate col pendolo in mano, siamo condannati all’insuccesso perché ci sfuggono i programmi negativi con forti protezioni (da parte delle Forze Oscure) o conglomerati di negatività sotto forma di sistemi dell’esperienza condensata, oppure una combinazione di tali sistemi.
Ed ecco che l’accesso all’informazione del Campo Torsionale ci può servire, perché  questa informazione è immune dall’azione dei sistemi negativi.
La tecnica dell’analisi torsionale si applica soprattutto per la pulizia dei corpi non fisici allo scopo di mettere una loro protezione (che si prospetta come permanente, al patto che l’individuo non la faccia saltare dall’interno, coltivando le emozioni negative e trascurando l’importantissimo aspetto del dialogo con il proprio Sé Superiore).

Una piccola parentesi: ho avuto il modo di appurare, lavorando con queste tecniche, che l’atto di ripulire e proteggere i corpi sottili dell’uomo significa più di una cosa.
Significa il raggiungimento dell’immunità dall’azione dell’informazione negativa proveniente dalle forze oscure e dalle persone. Significa un maggiore benessere psicofisico, perché alla base di tantissimi disturbi psichici e psicologici  troviamo sempre decine di entità  negative che normalmente escono ed entrano nei nostri corpi non fisici indisturbate. Significa il nostro successivo coinvolgimento nel giro delle energie positive – nel senso che il pulito attira quello  che è altrettanto pulito... persone buone e belle,  la capacità di realizzare i propri desideri,  o semplicemente il buon umore.
Mentre scrivo queste righe ho ricevuto la mail di una cara amica che ha già imparato la tecnica dell’analisi torsionale e la usa con gioia per il beneficio suo e dei suoi cari.
Ecco cosa scrive:  “...è nato l'ultimo nipotino di mia sorella, Filippo, a cui ho messo la protezione (ricordi che non aveva modifiche straordinarie, né  patologie negative nei Corpi Non Fisici). Ora è un bimbo stupendo....naturalmente anche lui piange, anche lui, come tutti i bimbi, ha qualche colichetta gassosa (ma è fisiologico, è il sistema gastrointestinale che cresce e si adegua alle esigenze del corpo)....ma ride tanto e spesso. Non abbiamo mai visto bimbi di 3 mesi ridere tanto!!!!! TUTTI I BIMBI nuovi nati dovrebbero avere la protezione”.

La spiegazione delle tecniche del lavoro con il campo torsionale – che si serve dell’aiuto prezioso degli Angeli Custodi – o delle energie luminose – possiamo chiamarli come vogliamo, non rientra  nel compito di questo articolo.
Ma solo con questo tipo di analisi possiamo essere certi di arrivare, finalmente, al nocciolo di problema per porre fine a certi disturbi che altrimenti continuano ad esistere.




3 commenti:

  1. Grazie Olga, leggo sempre molto attentamente i tuoi articoli che trovo estremamente interessanti. Certo, non sono facilissimi da comprendere, ma pian piano applicandomi più di qualcosa riesco a fare.
    Mi piacerebbe molto frequentare un tuo corso, perchè sento la radionica russa molto vicina al mio modo di pensare e di operare.

    Un abbraccio
    Cristina

    RispondiElimina
  2. Grazie Cristina. L'unico modo per imparare queste tecniche è studiarli con serietà, e applicarsi. I risultati (ottimi, sorprendenti) arriveranno!

    RispondiElimina
  3. Davvero tutto molto interessante,complimenti per l'ottimo lavoro.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.