Si è verificato un errore nel gadget

venerdì 10 gennaio 2014

I NODI KARMICI NELLA "MEDICINA MULTIDIMENSONALE" DI L.PUCHKO'



In questo post  descriverò brevemente  il protocollo della Puchkò per sciogliere i nodi karmici.  

Premetto che esistono molte teorie legate all'argomento, tante quante sono  le scuole esoteriche o orientali, più  gli insegnamenti degli iniziati/illuminati/maestri spirituali. 

Il concetto del karma nella comprensione dei maestri russi che seguo è una specie di DIARIO dove sono annotate le azioni:  positive e negative. Secondo Pavel ("Le Energie della Guarigione..."), le varie versioni della «pulizia del karma» che girano nel web, non hanno accesso a questo diario, fanno  qualcos'altro, perché secondo lui, Il Sé Superiore non permetterebbe  l'accesso, con lo scopo della cancellazione di alcune azioni, a una database che si crea nel corso di millenni. 
Quanto al karma,  dal punto di vista della ricerca specifica russa sull'argomento, non possediamo ancora una valida terminologia, tranne quella tradizionale orientale/induista, che non è sempre adattabile al nostro scopo.  Come  non esiste ancora un modello biocomputerizzato del Sè Superiore (è l'Anima, in quanto parte dal Sé Superiore,  gestisce la questione del karma).


Ma intanto  riferisco ciò che aveva scritto sui nodi karmici la grande pensatrice russa.  
Le tecniche della "Medicina Multidimensionale" permettono  di tentare lo scioglimento di alcuni di essi. 
Ci si riesce davvero? 
Molto dipende dalla determinazione dell'operatore, dalla sua motivazione e dal suo livello di preparazione.  Operare con  queste tecniche richiede  pazienza, perché alla fine tutto ciò che stiamo facendo porta alla crescita spirituale e ad un nuovo livello di consapevolezza. Quanto alla mia esperienza personale, posso confermare di aver alleggerito di molto alcune situazioni pesanti della mia vita. 


Chi non ha mai avuto almeno una persona nella sua vita con la quale è sempre stato difficile comunicare, convivere, lavorare... eppure non è possibile nemmeno liberarsene, perché questa persona  è  nostra madre, nostro marito, nostro figlio, oppure un'amico stretto, un superiore, un insegnante, ecc.

Il continuo afflusso delle emozioni negative legate a questa persona  rende difficile l'esistenza, e persino abbassa l'efficacia delle cure praticate (anche quelle radioniche).

Cosa deve fare un operatore "radistesico" per prima? Deve misurare la propria compatibilità karmica con la suddetta persona, utilizzando il grafico -100/0/+100:



Se il pendolo oscilla nel settore 0-+100, si tratta di un LEGAME KARMICO (maggiore è il valore, migliore è la qualità del rapporto. Una compatibilità karmica tra due persone pari a +100 è una grande rarità!); e al contrario, l'oscillazione  nel settore -100-0 indica la presenza di un NODO KARMICO.
Dopo di che si chiede quanti nodi karmici ci sono tra noi e la persona; non è raro incontrarne più di uno (specialmente se il pendolo oscilla intorno a -70,-60...).

La visione dei problemi karmici da parte della Puchkò è strettamente legata al concetto del "peccato" inteso anche come "errore", uno dei  tanti che avevamo commesso nelle precedenti incarnazioni. 
Infatti, i problemi  tra le persone nascono in seguito agli errori commessi, spesso gli stessi e perpetrati nel corso di molte vite.  Per definire che tipo di peccato/errore è all'origine del nodo,   si lavora sul quadrante dei peccati.

Ovviamente,  il peccato commesso  si trascina dietro una lunga coda di emozioni negative (anche per queste esiste un quadrante), e occorre individuarle.

Secondo la radionica Puchkò, più il nostro subconscio riesce a scoprire i dati correlati al problema, maggiori sono le probabilità di risolverlo positivamente.   Dobbiamo  trovare i "parametri" del peccato (i suoi codici numerici), le parti del corpo fisico colpite, le strutture sottili e i collegamenti tra di esse coinvolte.

Inoltre, il PROGRAMMA NEGATIVO rappresentato dal nodo karmico, potrebbe essere un SOLITONE OLOGRAFICO,  e cioè presentare una miriade di vibrazioni negative aggiuntive che formano una sorta di "coda" che segue il nucleo. I solitoni olografici, secondo la Puchkò,   sono capaci di spostarsi dentro l'organismo con l'estrema rapidità, qualche volta persino in seguito al nostro pensiero.

E ora? Ora prepariamo una bella Sequenza Vibrazionale accompagnata dalla formula della premessa/Obiettivo Dichiarato e da una figura grafica con dentro una serie di simboli, scelti dal nostro subconscio per eliminate proprio QUESTO PROBLEMA (le tecniche della Puchko e quelle che si sono evolute in seguito le presento ai seminari sulla radinionica esoterico-scientifica russa).


Nonostante le persone che formano un  nodo karmico siano due, è possibile eliminare le cause profonde che riguardano soltanto noi stessi  personalmente e lo stesso dicasi  dei peccati che poi non si eliminano, ma si comprendono e si "lavorano" in maniera cosciente, controllando le proprie emozioni negative che portano a commetterli di nuovo).
Si controllano anche le conseguenze karmiche che ci  aspettano  



E se se la cancellazione della registrazione negativa non riesce si fa questa domanda:
“Quante cause profonde  (in me)  impediscono di sciogliere il nodo karmico”? Si cercano dei programmi negativi (nel nostro organismo) che mettono il freno alla  risoluzione del problema.

Quando la compatibilità karmica è molto bassa (-50% - 100%),  una singola Sequenza Vibrazionale  non sempre può bastare; occorre fare ulteriori controlli e ripassi.

La Puchkò aggiunge che è possibile usare questo protocollo  valutando il grado di compatibilità karmica del soggetto con  la propria abitazione, quando si cerca una casa nuova,  si fa un acquisto importante.

E' possibile che in futuro saranno avvertiti degli eventuali colpi karmici, ma questi non ci  causeranno più molti danni.
Si può chiedere se abbiamo dei nodi karmici con i genitori/parenti/amici defunti, e quanti sono.





Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.