Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 19 febbraio 2014

LO SCIOGLIMENTO DEI NODI ENERGETICI




Nel web russo oggi si può trovare un numero infinito di varie pratiche  per il risanamento dell'organismo basate sulle visualizzazioni.  Ho tradotto e riassunto una delle tecniche più semplici. 
Per eliminare la negatività dai corpi energetici, occorre sapere visualizzare se stessi. Immaginare un «fantom» – fantasma, termine molto usato dai russi), e visulaizzare il problema  "evidenziato" su di lui.  Tradizionalmente si crede   che una macchia scura significhi  dolore/tensione in un certo punto del corpo.  I modi per eliminare questa negatività possono essere diversim, tutto dipende da come lo si visualizzi.

Ci sono dei metodi molto semplici per milgiorare la circolazione dell'energia nel corpo.

Prendiamo un esempio. 
           
                                    Esistono delle bamboline fatte di paglia o di erbe secche, con gambe e braccia  intrecciate.
Si può visualizzare la propria estremità (braccio, gamba) come una treccia fatta di fili d'erba. Di solito questa treccia è legata in un punto, solitamente nella parte bassa,  con uno spago o con un filo (caviglia, ginocchio). Si lega in genere laddove fa MALE.

Ora mentalmente sciolgliamo la treccia con le dita e mentalmente la pettiniamo con le dita divaricate. I fili cadono liberamente su tutta la lunghezza del braccio/gamba.
Se qualcuno teme che le energie negative rimangono sulla mano è possibile  lavare le mani o mettere un guanto di energia dorata.

Apre questo post  un'immagine dell'uomo, con due correnti d'energia: YANG (scende) e YIN (sale).
Riempono i chakra e formano la ns. Aura. Passano anche nell'area della colonna dove si verificano tanti problemi.

Ora ci interessa la corrente discedente, YANG. Visualizziamo la corrente che scende nella zona della colonna come una treccia (dalla nuca ai talloni).
Sciogliamola mentalmente e pettiniamola con le dita. Vedremo i fili sottili e sciolti (anche con un pettine).
Non pensiamo a dove andrà lo sporco energetico - andrà pure nei piani astrali bassi, ci sono esseri dei piani bassi che lo aspettano, lo devono rielaborare, per migliorare il proprio karma. Insomma, è tutto per il bene comune.

Se il pettine s'inceppa e non si può sciolgiere nulla… di solito questo succede all'altezza degli organi che non stanno bene. Prendiamo le forbici mentali e tagliamo i nodi  senza paura. I fili tagliati cominceranno subito ricrescere. Presto diventeranno lunghi come gli altri.

Si può raggiungere uno stato di «reazione a catena», basta avere l'intenzione di sciogliere i nodi nella colonna, e i fili cominceranno a  correre liberamente.

Lavorando dal lato della schiena lavoriamo sulla sfera della nostra volontà.
Fa bene prima di andare a dormire. Ma si anche può dare ordine a questa sfera,  e così torniamo a intrecciare  i fili, ottenendo una treccia bella pesante e ordinata – avremo pensieri ordinati!

Spostiamoci sul davanti e lavoriamo silla sfera emotiva!
Se non stiamo bene emotivamente, sciogliamo mentalmente i fili d'energia discendenti, liberiamoli. Se invece spesso siamo troppo emotivi, occorre intrecciare i fili, dare ordine alla nostra sfera emotiva.

Si può lavorare dal vivo:  la persona si mette in piedi, ha problemi con la colonna… sciogliamo i fili, vedremo come cambierà il colore del «problema». Lavorare intuitivamente.

Fonte: materiali del forum «Evoluzione della coscienza», autore : Tatyana


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.