Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 29 aprile 2015

LA NOOSFERA E “L’OTTAVA COSMICA”





Non tutti conoscono il termine "noosfera".
Indica la "sfera" del "pensiero umano"  (dal greco).
Nella teoria originale di Vladimir Ivanovic Vernadskij (scienziato russo), la noosfera è la terza fase dello sviluppo della  Terra, successiva alla geosfera (materia inanimata) e alla biosfera (vita biologica).

Secondo alcune profezie, la fine del ciclo 1987-2013 coincide con un preciso punto-evento geologico - evolutivo: la transizione biosfera-noosfera. 
La transizione biosfera-noosfera segna il punto in cui la consapevolezza del pianeta passa dall'inconscio cosmico al conscio cosmico. Si tratta di un momento importante anche per la storia dell'Universo.

V.I.Vernadskij
Questo passaggio è stato definito e previsto, per la prima volta, contemporaneamente da V.I. Vernadsky, e Pierre Teilhard de Chardin, un gesuita francese, paleontologo.
Insieme, essi hanno coniato il nuovo termine - noosfera - a Parigi, nel 1926.


Per entrambi, la noosfera (la “fodera” mentale del pianeta) era effetto di un punto critico dell'evoluzione terrestre. Per Vernadsky, questo punto è definito dalla crisi da lui chiamata “combustione geochimica”. Essa è dovuta all'impatto delle tecnologie e della civiltà industriali sulle risorse e i cicli della biosfera, che porta a un picco di crisi, a sua volta determinante uno spostamento qualitativo verso la noosfera e l'inizio dell'era psicozoica - era di mediazione tra la materia e lo spirito.  Per Teilhard de Chardin, la noosfera è preceduta dalla formazione di una rete planetaria di informazioni, che poi diventa anche l'ultimo rito di passaggio materiale-tecnologico prima del “punto omega”. Questo punto omega, che viene anche associato al corpo mistico di Cristo, rappresenta l'ingresso dell'umanità, e del pianeta, nella noosfera, la Mente Unica della Terra.

Come vediamo, si tratta di materie importanti.
E più si va avanti, più cose si conoscono e s'imparano.




Di recente abbiamo  conosciuto un importante programma dell’Advanced Mind Institute, “L’Ottava Cosmica”. http://it.advanced-mind-institute.org/negozio/lottava_cosmica/lottava-cosmica.html

Lenni Rossolovski  avverte questa sua creatura come un essere vivo ed indipendente che ha iniziato a vivere la propria vita, ormai separatamente dal suo creatore. E sapete perché?
Perché  non è soltanto uno dei passi verso una nuova filosofia  che afferma l’unità di tutto ciò che esiste: dentro le nostre cellule, sulla Terra  e nell'Universo, sulla base di frequenze  sonore; questo programma è stato creato intenzionalmente come  uno strumento per ACCEDERE ALLA NOOSFERA, e ogni persona che lo userà  realizzerà  qualcosa di diverso da quello che realizzeranno altre persone. 


Esiste un bel libro di fantascienza russo,  “Stalker” (autori fratelli Strugazki), che racconta i destini di alcuni uomini temerari attraverso le loro visite in una misteriosa area colpita dal contatto con un corpo alieno,  alla ricerca degli strani reperti. 

Anche questo programma, ci porta nell’”area” (noosfera) che stiamo esplorando insieme, ma ciò che vi troveremo dipenderà da noi: qualcuno va alla ricerca dell’energia, altri cercheranno delle informazioni, altri ancora vorranno capire i segreti più nascosti del Cosmo.

Secondo la mia ancora poca esperienza,  non è solo una meditazione, è qualcosa di leggermente diverso. 
Bisogna lavorare con questo programma, definendo, per esempio, degli obiettivi.
Un giorno mi sono svegliata con un forte mal di testa, e dato che la prima cosa che faccio al risveglio, è la meditazione con la prima ora planetaria (intorno alle 6.20),  ho provato a chiedere al programma di farmi passare il mal di testa. 

E’ stato eseguito perfettamente! Significa, non so come, che mi è stata data l’energia di cui avevo bisogno, attraverso la noosfera.
Delle volte sento che c’è qualcuno che sta meditando nello stesso momento; il programma è stato fatto anche per questo, per le meditazioni collettive. In questo caso avevo provato a chiedere: “C’è qualcuno?” e ho  avuto una sensazione  di avvertire con le mani altri mani. E’ bello, no?
Insomma, le potenzialità di questo programma, l’unico al mondo, sono tanti, e sono ancora da scoprire.

Spero  che anche noi qui in Italia potremmo pare la nostra parte.


lunedì 27 aprile 2015

I MISTERI FELINI



Questo post è stato scritto in base ad alcuni materiali del web russo. In fondo troverete un mio vecchio racconto-verità.



L’INCREDIBILE INCARNAZIONE DELLA GATTA  NENUFARA

A casa mia adesso vive la gatta Nenufara. Il suo nome è quello di una ninfea gialla, una pianta antichissima che c’era  già nel mondo preistorico. La storia del suo arrivo è piena di misteri.
...Prima  di lei avevamo la gatta Frosia  che morì lottando contro i cani, per difendere sua figlia Pronia. 
Pronia  che era piccola, ne rimase scioccata  e si riprese solo dopo un anno. Visse 11 anni e mezzo. Anche lei amava lottare con i cani, e  un  giorno fu gravemente ferita. Dopo un po’ morì di un tumore fulminante.
Le fecero una puntura in clinica veterinaria. La seppellii io, era il 28 luglio... c’erano delle giornate molto calde, ma in quel momento la temperatura si abbassò all’improvviso e arrivarono delle nuvole nere.
Poi me ne andai via dal paese e vendetti la casa ad una mia amica. Ci andò a vivere sua suocera.
Il 1 settembre  quella donna (la suocera) era seduta sulla veranda a prendere il fresco, e all’improvviso comparve una gatta.  La donna rimase stupita (tutta la famiglia della mia amica conosceva bene Pronia) – era lei!  La gatta chiese da mangiare, mangiò e si mise a riposare sul divano.
Arrivo la mia amica, vide la gatta e rimase scioccata anche lei. La gatta intanto non volle  nemmeno conoscere la casa, la conosceva già bene. 
La mia amica mi chiamo al telefono, ed arrivai di corsa. Era Pronia, non ne avevo dubbi. Mi sedetti accanto a lei a con la mano tremante l’accarezzai.
La gatta mi saltò in grembo e mi guardò attentamente negli occhi. Le chiesi: “Non sparirai più,vero?”
La gatta si mise a ronfare, poi , con la testa sotto il mio mento, e mi raccontò tutto. Tutti i miei famigliari sedevano accanto e ci guardavano incantati.
I miei figli mi ordinarono subito di portare la gatta in città.
Anche la nostra casa in città non la volle esplorare, sembrava di conoscerla.
Era rimasta a lungo senza un nome.
Poi incontrai il nome di Nenufaro. La pianta dei maghi.  Diventò il suo nome.
Abbiamo ora tre gatte, tutte nere.

Nadia Guciok, Bielorussia.




MIA NONNA E  LE STRANEZZE NELLA CASA DI CAMPAGNA


... Sin da bambina passavo, con i miei cugini,  l’estate nella casa di campagna, dalla nonna. Erano bei tempi, con le fragoline di bosco e i racconti di mia nonna   mentre sedevamo sulla panchina di sera... Col tempo, la nonna invecchiò, cominciò a stare male, e la portammo in città da noi.
Una volta,  vedendo che non stava bene, decisi di incoraggiarla. Mi disse che nessuno qui in città la proteggeva, mentre  nel paese da lei veniva un vecchio vestito di bianco in compagnia dei gatti. C’erano un gatto nero e uno bianco.
Mia madre pensava che delirasse...
D’estate la riportammo  nel paese,  e lei vedeva delle cose che nessuno di noi vedeva...
Nel giorno della sua morte in casa sua entrò un gatto bianco. Durante i funerali  rimase sdraiato sul suo letto, poi sparì.

D.Ya.


I GATTI SONO DEGLI AGENTI DELLE  CIVILTA’ SUPERIORI

... Non hanno i documenti,
Non votano,
Non credono alla pubblicità.

Spesso sono indifferenti a tutto. 
I gatti non sono persone,
I gatti non sono animali.
Sono degli alieni venuti dalle stelle lontane.
AGENTI DELLE CIVILTA' SUPERIORI. 
Sono vestiti sempre da gatti,
E  non secondo la moda.
Se provate ad etichettare un gatto
Non ve lo perdonerà mai.
Nn credono in Dio, e se credono lo fanno
Segretamente.
E il loro Dio non è quello in cui
Crediamo noi. 

Anonimo.




IL VOLO ASTRALE

Mi svegliai alle cinque di mattina, ancora nel buio, mi girai e rigirai nel letto e finalmente sprofondai in uno stato di dormiveglia, quando la mente è già sveglia ma il corpo è ancora addormentato. Ad un tratto mi venne l’idea di poter volare…Chi non ha mai  volato nel sonno? Ma questa volta io non dormivo, e con grande senso di meraviglia mi alzai dal letto e feci una virata verso la cucina.
Ero senza il corpo fisico, leggera come il pensiero. Libravo sopra gli armadi, sopra il tavolo della cucina, osservando il proprio corpo, rimasto immobile nel letto.
La Tommasina era già sveglia da un pezzo e si lavava sul pavimento della sala. Il suo sguardo attento ma senza il minimo stupore mi accompagnò nel volo; girava la testa seguendo i miei movimenti. Sembrava che mi dicesse: “Bene. Finalmente lo fai!”
“Allora,  è vero!”, pensai. “E’ vero che i gatti vedono cose invisibili!”, e questa scoperta mi colpì più del fatto stesso di “volare senza corpo”.
“Tu stai dormendo”, mi  disse la mia mente razionale.
“Verifichiamolo”, le rispose qualcuno in me.
Toccai il soffitto con la mano, e la mia mano “immateriale” sentì chiaramente  la  “materia”,   fredda e ruvida.
“E’ vero, è vero!”, pensai, “la materia e lo spirito…e il corpo astrale…”
“Certo che è vero”, osservò la Tommasina dal pavimento, dopo aver finito di lavare una parte del musetto e passando all’altra.
Non ricordo come ripiombai nel mio corpo e mi riaddormentai.
La  mattina io e la gatta ci guardammo.
“Cosa vuoi, io posso vedere cose ancora più strabilianti”, mi disse lei. E mi lanciò uno sguardo superbo di una divinità egizia.


Olga Samarina, 1993

LA RADIESTESIA E LA RADIONICA SPIRITUALI. RILEGGENDO PAVEL.





Rileggendo "Le Energie della Guarigione" di Pavel, noto, e non per la prima volta, che tutte le grandi cose che ci indicano dei veri maestri, sono semplici, e poi sono quelle che noi sappiamo già. Ma spesso non ci diamo importanza, immersi nella quotidianità. 
Per Pavel tutto ciò che siamo e vediamo intorno, e noi stessi, rappresenta i 20 Campi del Sistema della Mente Suprema, che si suddividono in campi informazionali, energetici ed energetico-informazionali. 
La sua visione del mondo è basata sulla spiritualità intesa come un contatto quotidiano, solido e stabile, con il proprio Sé Superiore. 
Il Sé Superiore, nella radionica russa, è una connessione VIVA, VIBRANTE, RADIOSA, tra lo Spirito, l'Anima e il Subconscio, di cui solo il Subconscio è mortale, nasce e muore in ogni nuova incarnazione, mentre altri due componenti fanno parte del sistema della Mente Suprema. E' bene esserne consapevoli…
MA NON SOLO: con la radionica russa possiamo lavorare su queste connessioni, pulirli dai programmi negativi, possiamo collaborare attivamente con il Sé Superiore chiedendogli consigli anche nella vita di tutti i giorni. 
Scrive Pavel:
“...L’Uomo è fatto degli stessi campi di cui è fatta la Mente Suprema. La struttura dei collegamenti energetico-infiormazionali all’interno dell’Uomo riproduce quella all’interno della Mente Suprema. 
Perciò, secondo la sua predestinazione, l’Uomo ha:
- delle Possibilità, che da lui e dall’umanità intera non sono stati comprese e spesso non sono adoperate a fin di bene;
- dei Doveri, di fatto trascurati dall’Uomo e dall’umanità.
Le possibilità che possiede l’Uomo gli permettono di eseguire anche i suoi Doveri, di fronte alla Mente Suprema, ovvero un DOVERE: perfezionare la sua SPIRITUALITA’ in ogni nuova incarnazione.
Non ha nessuna importanza l’attività che svolge l’uomo nella SUA vita. Tutti gli altri comandamenti, norme e regole sono soltanto delle importanti condizioni per la realizzazione di questo Dovere nei confronti del sistema dell’esperienza collettiva dell’Umanità – che per noi significa il nostro Livello del Sistema della Mente Suprema. 
L’esperienza dei precedenti 5 mila anni conferma il fatto che nessuna conoscenza occulta, nessun mantra millenario, nessuna formula miracolosa nuova non aiuterà l’Uomo ad acquisire la consapevolezza delle sue Possibilità e dei suoi Doveri. 
Senza una chiara comprensione, una conoscenza, un continuo sviluppo sociale si va dritti in un vicolo cieco della stagnazione. Purtroppo, a scuola non insegnano le ABC del lavoro con il Sistema della Mente Suprema, con il Sé Superiore, con i corpi non fisici ne il corpo fisico... Probabilmente, la NUOVA VISIONE DEL MONDO accessibile a tutti, aiuterà a ritornare sulla strada della consapevolezza luminosa per noi preparata...”
……………………………………………………………..


...da circa 40 anni si sente sempre di più il termine "olistico", sono nate nuove filosofie, e sempre più gente s'interessa delle questioni spirituali. Anche nella nostra attività di radionici e radiestesisti, serve una chiara comprensione di alcune cose fondamentali che ci permettono di capire come lavoriamo e a chi chiediamo le risposte alla nostre domande. 
Purtroppo, la radionica e la radioestesia SPIRITUALI non vengono insegnati, ed è un peccato. Non basta saper misurare i Bovis, saper adoperare dei quadranti o fare delle ricerche su una cartina topografica… Se siamo all'oscuro delle forze che imperversano dentro di noi, come possiamo essere certi al 100% delle risposte che ci dà il pendolo?…se non abbiamo dei mezzi per mettere un muro di fronte ai programmi negativi di cui siamo tutti bersagli? 
Ma un importante passo verso l'unione della radioestesia e della spiritualità è già stato fatto nelle opere della Puchkò e di Pavel, soprattutto. Queste mie parole sono rivolte soprattutto agli operatori del settore, e, perché no, anche a qualche novizio. A volte una mente fresca e curiosa è capace di lasciare molto indietro coloro che sono convinti di sapere tutto, perseverando nella granitica convinzione di essere sulla giusta strada...

giovedì 16 aprile 2015

"L'OTTAVA COSMICA". UN PROGRAMMA MEDITATIVO NEURO-ACUSTICO UNICO AL MONDO




Ho seguito alcuni passi della creazione  di questo programma prima da  studente di Lenni Rossolovski, e ho già potuto sperimentarlo. E' unico, forte, incisivo, insolito.

Questo programma promuove l’evoluzione spirituale dell’umanità. Ma senza inutili parole, dando uno strumento concreto.

In breve: 

- Il programma sintonizza il cervello sui ritmi Theta nella banda 7-8 hz (veri credenti praticanti di qualsiasi culto, sciamani, guaritori, seguaci delle filosofie orientali, ricercatori spirituali). Questi ritmi corrispondono alla risonanza di Schumann che cambia nel corso della giornata,  mentre in tutte le meditazioni si usa la frequenza “canonica” della risonanza di Schumann (7.83 Hz).
Lenni Rossolovski ha scoperto l’uso delle frequenze –scansione, o galleggianti. Con questi il cervello si sintonizza da solo sulla frequenza della risonanza di Schumann PRECISA.

- Il programma è incentrato sulle ore planetarie che tengono conto dell’influenza dei corpi celesti su tutti i sistemi viventi; ad ogni ora planetaria corrisponde un chakra specifico.  Lenni Rossolovski ha scoperto delle frequenze portanti di tutte ore planetarie. 

- Le possibilità offerte dal programma: avremo il miglior risultato nella cura dell'organismo, se ascoltiamo i programmi nelle ore che corrispondono ai rispettivi chakra. Inoltre, questo programma può curare da solo.


- Il programma dà la possibilità di attivare delle meditazioni collettive senza trattative e accordi, basta scegliere un'ora planetaria indicata, e iniziare a meditare. Si potrà effettuare uno scambio di energia, donarе e riceverе l'energia. 



Allego la mia traduzione  dell'articolo di Lenni Rossolovski apparso sul suo blog e sul forum dell'Advanced Mind Institute. 


LA STORIA  DELLA CREAZIONE DEL PROGRAMMA “L’OTTAVA COSMICA”

di Lenni Rossolovski

"Il lavoro sul programma è durato 9 mesi, e finalmente è terminato. Dirò senza falsa modestia: è l’unico nel suo genere,  non nel mondo non esistono i suoi analoghi. Non è una pubblicità, o un’“auto pubblicità”, è la verità.
Che tipo d programma è,  qual’è la sua storia?

Alla sua base ci sono delle ricerche di alcuni studiosi neuro-acustici, e, in particolare, del prof. Takahashi che fece una meravigliosa scoperta rimasta  sconosciuta al vasto  pubblico.
Facendo degli elettroencefalogrammi (EEG) alle persone che  eseguivano varie pratiche religiose, Takahashi  aveva capito questo: i dati degli EEG permettono sempre di  capire se una persona  segue o no una pratica religiosa, ma non è possibile distinguere il tipo di pratica religiosa. Per la neurofisiologia, c’è una differenza tra un credente e un ateo, ma è impossibile distinguere tra un cristiano e un buddista, o tra un musulmano e un giudeo. Tutti quanti presentano un’attività theta marcata, nella banda 7-8 Hz.  L’ampiezza più marcata dei ritmi theta si osserva anche  nei  guaritori, negli sciamani, nei seguaci dei culti orientali e in tutti quanti che seguono la via dello sviluppo spirituale.

Già tempo fa ebbi un’idea: e se facessi un programma che sintonizzi il cervello a questi ritmi, i ritmi che aiutino le persone ad ottenere uno stato che distingue i veri credenti e ricercatori spirituali?

Non era un progetto semplice.  Ogni religione possiede i propri rituali, gli orari delle messe, e le ore particolari per  eseguire delle preghiere.
Cercai a lungo la risposta, ma senza risultato, finché non cominciai a studiare  il sistema delle ore planetarie.
Questo sistema unisce molte religioni, perché qualsiasi rituale avviene negli orari prestabiliti che tengono conto dell’influenza dei corpi celesti su tutto ciò che vive.

Le mie ricerche mi condussero alla stazione spaziale, sita nella città di Tomsk, dove avviene la misurazione, in tempo reale, di vari parametri, comprese la frequenza e l’ampiezza della risonanza di Shumann.  
Iniziai a  fare degli EEG in diverse ore del giorno, tagliando fuori tutte le frequenze tranne  il “corridoio” 7-9 Hz, per poi comparare  i dati medi con le frequenze della risonanza di Shumann.

Non potei non notare la coincidenza della frequenza  e dell’ampiezza della risonanza di Shumann e dei ritmi e delle frequenze cerebrali nella banda  theta. E non avevo dubbi: i dati medi coincidevano.
L’antica mistica delle ore planetarie  è confermata dalla scienza!

Ma dovevo trovare un meccanismo che potesse  permettere di sintonizzarsi a questa risonanza.


La solita meditazione theta non andava bene; ha delle frequenze fisse, mentre la frequenza di Schumann cambia  nel corso della giornata; ovvero, non coincide mai con la frequenza standard 7.83 Hz usata in tutti i programmi meditativi del mondo.
Questa frequenza è diventata canonica e, in  maggioranza dei casi,  fa il suo lavoro. Io però avevo bisogno  di una sintonizzazione precisa  sulla frequenza della risonanza di Schumann durante  la meditazione.

I mesi degli esperimenti non portarono, dapprima, ad alcun risultato. Non riuscivo a sintonizzare il  cervello sulla frequenza di Schumann reale, e non ipotetica. Finché non scoprii  l’uso delle frequenze -scansione, o “galleggianti”.
Se volete un’analogia, immaginate una stazione radio che cambia continuamente le frequenze sulle quali trasmette. Non potete sintonizzare la radio su una certa frequenza e poi  aspettare di sentire la vostra stazione; ascoltereste il silenzio.  
Molti ricevitori ad onde ultracorte possiedono la funzione “ricerca”, fanno una scansione  di tutte la bande ultracorte e si sintonizzano su una certa stazione.
Eureka!
E se facessimo lo stesso con il cervello?

Cominciai a sperimentare con le frequenze variabili  e a creare dei programmi (“scan”) dove le frequenze cambiavano ogni 2 secondi, un po’ come in quelle radio. Impostavo il programma – sintetizzatore non su una certa frequenza, bensì  su una banda di frequenze, e inviavo il comando della ricerca.


Uscì fuori una cosa molto interessante.  Il cervello  stimolato dalle frequenze variabili  si sintonizzava da solo sul valore reale della frequenza di Schumann e rimaneva  così per 20-30 secondi, e questo è molto; nel frattempo si  preparava a sintonizzarsi di nuovo sulla frequenza portante, allineandosi alla  biorisonanza planetaria.  Ora mi rimaneva di capire come si poteva sintonizzarsi sulle frequenze delle ore planetarie.

Qui, sorsero altre difficoltà. Come stabilire la frequenza di una certa ora planetaria? Ci saranno state delle ricerche su questo argomento? Dove potevo prendere i dati?
Nel corso delle ricerche ,la mia attenzione fu attirata  dai diapason che i guaritori usano per lavorare con i chakra. Ecco, ogni pianeta corrisponde ad un certo chakra, maggiormente attivo in quel momento...
Seguirono altre ricerche, la lettura di una montagna di opere pubblicate, delle recensioni, le consultazioni con i colleghi, e finalmente, le frequenze portanti per tutte le ore planetarie furono trovate. Ora dovevo trasformare tutto ciò nel suono.

Ma anche questo non era facile: si doveva lavorare con una certa frequenza solo nella rispettiva ora planetaria (per evitare l’influenza  indesiderata di un altro pianeta), e inoltre, si doveva sintonizzare i programmi su frequenze stabilite.
Così, potevo lavorare sulla creazione per esempio, dell’”Ora di Venere”, solo  con l’arrivo dell’ora di Venere.

Poco alla volta il programma acquistò il suono; cominciai a testarlo e ricevetti dei risultati straordinari; posso solo dire che superarono ogni mia aspettativa.
Venerdì 3 aprile  2015 il programma  fu pubblicato sul sito dell’Advanced Mind Institute. Il programma unico della biorisonanza planetaria  iniziò a vivere la propria vita, come un essere vivente.
Ora la si può utilizzare  per sintonizzarsi su qualsiasi ora planetaria, e per la sintonizzazione del corpo e della coscienza, a scopo curativo (non vi meravigliate, è così).
Il fatto è che ciascun’ora planetaria attiva un certo centro energetico umano ed è meglio di tutto lavorare con questo centro nelle ore prestabilite. Per esempio, si raccomanda di lavorare, nelle ore della Luna, con il sistema linfatico, con gli organi genitali femminili ecc.  L’informazione più dettagliata su questi problemi sarà fornita sul forum dell’Istituto e nel mio blog.

Un’altra particolarità  del programma “L’ottava Cosmica” è la possibilità di effettuare le meditazioni collettive. Avevamo fatto molte meditazioni collettive, tra i nostri  aderenti, e abbiamo visto che funzionano. Con questo programma non c’è più bisogno di collegarsi, accordarsi sulle ore, sentirsi su Skype ecc., basta scegliere una certa ora, trovare il pianeta che la governa e accendere il programma.

E’ un inizio. Presto potrete capire che il programma è capace di cambiare molte cose nella vostra vita. Non ne parlerò, ma ascolterò voi".





Questo programma è  ottimo per la sintonizzazione dei chakra, perché gli stessi pianeti che governano le ore corrispondono a certi chakra.  
Esistono diversi metodi per trovare la corrispondenza tra i pianeti e i chakra; qui parliamo di quello più antico, adottato da Rossolovski.

1° chakra (Muladhara) – Saturno. E’ attivo alle ore del Saturno. Il suo giorno è Sabato.
2° chakra (Svadhisthana) – Marte. E’ attivo alle ore di Marte. Il giorno è Martedi.
3° chakra (Manipura) – Sole. E’ attivo alle ore di sole. Il giorno è Domenica.
4° chakra (Anahata) - Mercurio. E’ attivo alle ore di Mercurio. Il giorno è Mercoledi.
5° chakra (Vishuddha) – Venere. E’ attivo alle ore di Venere. Il giorno è Venerdì.
6° chakra (Ajna) – Luna. E’ attivo alle ore della Luna. Il giorno è Lunedì.
7° chakra (Sahasrara) – Giove. E’ attivo alle ore di Giove. Il giorno è Giovedì.

L’influenza più forte sui chakra si osserva nei casi quando si medita nel giorno e nelle ore di un certo pianeta. Per esempio, martedì nelle ore di Marte. Questo coincide sempre con l’inizio della prima ora planetaria, e sono le ore migliori anche per la meditazione.
Se meditate alla prima ora planetaria, sintonizzate il rispettivo chakra e vi sintonizzate sulle vibrazioni del giorno.
Lo posso ormai dire per esperienza diretta:  mi sveglio alle 6.30 circa, e le cuffie e l’iPod sono già vicino a me, basta mettere le cuffie e continuare a stare in una dormiveglia. 

Avviso, però: secondo me, chi non ha mai ascoltato prima i programmi neuro-acustici, non deve forse iniziare da questi, sono molto forti. A meno che uno non possieda una naturale predisposizione all'ascolto di questi programmi, e queste persone le ho già viste, non sono poche Ti sembra di essere negli ingranaggi dell’Universo. C’è un ritmo molto forte, sono carichi di significato, questi programmi. Sono un divenire. E lavorando, ne sono sicura, scoprirò altre cose nascoste

venerdì 10 aprile 2015

LA RADIONICA E I "PROGETTI"



Moltissimi,  se non tutti, tra i miei amici radionici, conoscono bene i protocolli di Raymon Grace,  che permettono di lavorare sui progetti.

Avete un problema? I vicini di sopra vi danno fastidio, mettendo la musica alta o facendo sempre chiasso?  La qualità dell'acqua nella vostra piscina non è buona? Il vostro figlio sta avendo dei brutti risultati a scuola? C'è il protocollo di RG, con il quale potete provare.  

E invece, pochissimi sanno che  esista anche un altro modo per lavorare sui progetti, quello che deriva dagli insegnamenti Puchkò (ciò che io chiamo la radionica russa). Per carità, la stessa Liudmila Puchkò  non si era data molto da fare in quel senso, ma aveva gettato le basi per vedere il mondo in una certa chiave, e il suo mondo (un modello della realtà, come a me piace definirlo) è fatto di  connessioni, di canali e di  energie/informazioni,   e ha molto a che fare con il paradigma olografico. 

Tutte queste strutture, di cui non troverete tracce nel mondo "reale", fisico,  possono essere esaminate con le tecniche della RR, per vedere che cosa non va in esse, e corrette, togliendo gli ostacoli.  

Per la verità, molti radiestesisti russi, seguendo le indicazioni Puchkò,   avevano lavorato per  stabilire i principali passi mirati alla "correzione" delle situazioni, ed io  pure. A me piaceva un sacco lavorare sulle situazioni, e se conosci il metodo, e… (è un vantaggio) non devi fare le infinite ripetizioni  del progetto, per far salire la sua energia, tante volte  basta lavorare una sola volta. 
Un esempio: ad una persona doveva arrivare un bella cifra, un bonifico bancario…e nulla, non arrivava e basta. Una disperazione!  Mi ricordo bene il caso. Avevo misurato l'energia del progetto  definito come "Il bonifico da (nome)…. sul cc n… presso…. di (nome)  …", e mi dava di essere al 94% (da 0 a 100), e cioè, quasi quasi.  
Qualsiasi cosa/struttura si scambia con il mondo circostante; e lo scambio avviene principalmente su 3 linee: l'energia, l'informazione, la materia. Questi tre canali principali si ripuliscono dai programmi negativi (sono una sorta di macigno invisibile,  fatto di informazioni negative - anche nel mondo olografico tutto ha il suo peso!). 

Si troncano i canali da dove questi programmi arrivano, e pure i canali neri con le parti negative delle egregore… si eliminano dei meccanismi che mirano al danneggiamento, all'annientamento, agli ostacoli.


Il bonifico era arrivato la settimana seguente, mentre la persone  voleva già andare per avvocati :-)

Ho condiviso questa esperienza soltanto per farvi capire quante cose si possono fare se uno ha voglia di studiare, di conoscere questo magnifico e misterioso mondo in cui viviamo.  Perché è questo che mi piace fare: diffondere  il sapere, l'informazione, la conoscenza :-)