Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 29 aprile 2015

LA NOOSFERA E “L’OTTAVA COSMICA”





Non tutti conoscono il termine "noosfera".
Indica la "sfera" del "pensiero umano"  (dal greco).
Nella teoria originale di Vladimir Ivanovic Vernadskij (scienziato russo), la noosfera è la terza fase dello sviluppo della  Terra, successiva alla geosfera (materia inanimata) e alla biosfera (vita biologica).

Secondo alcune profezie, la fine del ciclo 1987-2013 coincide con un preciso punto-evento geologico - evolutivo: la transizione biosfera-noosfera. 
La transizione biosfera-noosfera segna il punto in cui la consapevolezza del pianeta passa dall'inconscio cosmico al conscio cosmico. Si tratta di un momento importante anche per la storia dell'Universo.

V.I.Vernadskij
Questo passaggio è stato definito e previsto, per la prima volta, contemporaneamente da V.I. Vernadsky, e Pierre Teilhard de Chardin, un gesuita francese, paleontologo.
Insieme, essi hanno coniato il nuovo termine - noosfera - a Parigi, nel 1926.


Per entrambi, la noosfera (la “fodera” mentale del pianeta) era effetto di un punto critico dell'evoluzione terrestre. Per Vernadsky, questo punto è definito dalla crisi da lui chiamata “combustione geochimica”. Essa è dovuta all'impatto delle tecnologie e della civiltà industriali sulle risorse e i cicli della biosfera, che porta a un picco di crisi, a sua volta determinante uno spostamento qualitativo verso la noosfera e l'inizio dell'era psicozoica - era di mediazione tra la materia e lo spirito.  Per Teilhard de Chardin, la noosfera è preceduta dalla formazione di una rete planetaria di informazioni, che poi diventa anche l'ultimo rito di passaggio materiale-tecnologico prima del “punto omega”. Questo punto omega, che viene anche associato al corpo mistico di Cristo, rappresenta l'ingresso dell'umanità, e del pianeta, nella noosfera, la Mente Unica della Terra.

Come vediamo, si tratta di materie importanti.
E più si va avanti, più cose si conoscono e s'imparano.




Di recente abbiamo  conosciuto un importante programma dell’Advanced Mind Institute, “L’Ottava Cosmica”. http://it.advanced-mind-institute.org/negozio/lottava_cosmica/lottava-cosmica.html

Lenni Rossolovski  avverte questa sua creatura come un essere vivo ed indipendente che ha iniziato a vivere la propria vita, ormai separatamente dal suo creatore. E sapete perché?
Perché  non è soltanto uno dei passi verso una nuova filosofia  che afferma l’unità di tutto ciò che esiste: dentro le nostre cellule, sulla Terra  e nell'Universo, sulla base di frequenze  sonore; questo programma è stato creato intenzionalmente come  uno strumento per ACCEDERE ALLA NOOSFERA, e ogni persona che lo userà  realizzerà  qualcosa di diverso da quello che realizzeranno altre persone. 


Esiste un bel libro di fantascienza russo,  “Stalker” (autori fratelli Strugazki), che racconta i destini di alcuni uomini temerari attraverso le loro visite in una misteriosa area colpita dal contatto con un corpo alieno,  alla ricerca degli strani reperti. 

Anche questo programma, ci porta nell’”area” (noosfera) che stiamo esplorando insieme, ma ciò che vi troveremo dipenderà da noi: qualcuno va alla ricerca dell’energia, altri cercheranno delle informazioni, altri ancora vorranno capire i segreti più nascosti del Cosmo.

Secondo la mia ancora poca esperienza,  non è solo una meditazione, è qualcosa di leggermente diverso. 
Bisogna lavorare con questo programma, definendo, per esempio, degli obiettivi.
Un giorno mi sono svegliata con un forte mal di testa, e dato che la prima cosa che faccio al risveglio, è la meditazione con la prima ora planetaria (intorno alle 6.20),  ho provato a chiedere al programma di farmi passare il mal di testa. 

E’ stato eseguito perfettamente! Significa, non so come, che mi è stata data l’energia di cui avevo bisogno, attraverso la noosfera.
Delle volte sento che c’è qualcuno che sta meditando nello stesso momento; il programma è stato fatto anche per questo, per le meditazioni collettive. In questo caso avevo provato a chiedere: “C’è qualcuno?” e ho  avuto una sensazione  di avvertire con le mani altri mani. E’ bello, no?
Insomma, le potenzialità di questo programma, l’unico al mondo, sono tanti, e sono ancora da scoprire.

Spero  che anche noi qui in Italia potremmo pare la nostra parte.


2 commenti:

  1. conosco questo programma peccato che costa troppo per me spero di arrivarci comunque con le mie forze

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenga presente che dentro ci sono 7 programmi, non uno, che non ha analoghi nel mondo e che rispetto ai programmi dei giganti di neuroacustica noti agli appassionati, che arrivano a costare migliaia di dollari l’uno… la mia spiegazione è dovuta per far capire come stanno le cose; quanto alle spese e al costo della vita, siamo tutti nella stessa barca :-)

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.