Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 16 aprile 2015

"L'OTTAVA COSMICA". UN PROGRAMMA MEDITATIVO NEURO-ACUSTICO UNICO AL MONDO




Ho seguito alcuni passi della creazione  di questo programma prima da  studente di Lenni Rossolovski, e ho già potuto sperimentarlo. E' unico, forte, incisivo, insolito.

Questo programma promuove l’evoluzione spirituale dell’umanità. Ma senza inutili parole, dando uno strumento concreto.

In breve: 

- Il programma sintonizza il cervello sui ritmi Theta nella banda 7-8 hz (veri credenti praticanti di qualsiasi culto, sciamani, guaritori, seguaci delle filosofie orientali, ricercatori spirituali). Questi ritmi corrispondono alla risonanza di Schumann che cambia nel corso della giornata,  mentre in tutte le meditazioni si usa la frequenza “canonica” della risonanza di Schumann (7.83 Hz).
Lenni Rossolovski ha scoperto l’uso delle frequenze –scansione, o galleggianti. Con questi il cervello si sintonizza da solo sulla frequenza della risonanza di Schumann PRECISA.

- Il programma è incentrato sulle ore planetarie che tengono conto dell’influenza dei corpi celesti su tutti i sistemi viventi; ad ogni ora planetaria corrisponde un chakra specifico.  Lenni Rossolovski ha scoperto delle frequenze portanti di tutte ore planetarie. 

- Le possibilità offerte dal programma: avremo il miglior risultato nella cura dell'organismo, se ascoltiamo i programmi nelle ore che corrispondono ai rispettivi chakra. Inoltre, questo programma può curare da solo.


- Il programma dà la possibilità di attivare delle meditazioni collettive senza trattative e accordi, basta scegliere un'ora planetaria indicata, e iniziare a meditare. Si potrà effettuare uno scambio di energia, donarе e riceverе l'energia. 



Allego la mia traduzione  dell'articolo di Lenni Rossolovski apparso sul suo blog e sul forum dell'Advanced Mind Institute. 


LA STORIA  DELLA CREAZIONE DEL PROGRAMMA “L’OTTAVA COSMICA”

di Lenni Rossolovski

"Il lavoro sul programma è durato 9 mesi, e finalmente è terminato. Dirò senza falsa modestia: è l’unico nel suo genere,  non nel mondo non esistono i suoi analoghi. Non è una pubblicità, o un’“auto pubblicità”, è la verità.
Che tipo d programma è,  qual’è la sua storia?

Alla sua base ci sono delle ricerche di alcuni studiosi neuro-acustici, e, in particolare, del prof. Takahashi che fece una meravigliosa scoperta rimasta  sconosciuta al vasto  pubblico.
Facendo degli elettroencefalogrammi (EEG) alle persone che  eseguivano varie pratiche religiose, Takahashi  aveva capito questo: i dati degli EEG permettono sempre di  capire se una persona  segue o no una pratica religiosa, ma non è possibile distinguere il tipo di pratica religiosa. Per la neurofisiologia, c’è una differenza tra un credente e un ateo, ma è impossibile distinguere tra un cristiano e un buddista, o tra un musulmano e un giudeo. Tutti quanti presentano un’attività theta marcata, nella banda 7-8 Hz.  L’ampiezza più marcata dei ritmi theta si osserva anche  nei  guaritori, negli sciamani, nei seguaci dei culti orientali e in tutti quanti che seguono la via dello sviluppo spirituale.

Già tempo fa ebbi un’idea: e se facessi un programma che sintonizzi il cervello a questi ritmi, i ritmi che aiutino le persone ad ottenere uno stato che distingue i veri credenti e ricercatori spirituali?

Non era un progetto semplice.  Ogni religione possiede i propri rituali, gli orari delle messe, e le ore particolari per  eseguire delle preghiere.
Cercai a lungo la risposta, ma senza risultato, finché non cominciai a studiare  il sistema delle ore planetarie.
Questo sistema unisce molte religioni, perché qualsiasi rituale avviene negli orari prestabiliti che tengono conto dell’influenza dei corpi celesti su tutto ciò che vive.

Le mie ricerche mi condussero alla stazione spaziale, sita nella città di Tomsk, dove avviene la misurazione, in tempo reale, di vari parametri, comprese la frequenza e l’ampiezza della risonanza di Shumann.  
Iniziai a  fare degli EEG in diverse ore del giorno, tagliando fuori tutte le frequenze tranne  il “corridoio” 7-9 Hz, per poi comparare  i dati medi con le frequenze della risonanza di Shumann.

Non potei non notare la coincidenza della frequenza  e dell’ampiezza della risonanza di Shumann e dei ritmi e delle frequenze cerebrali nella banda  theta. E non avevo dubbi: i dati medi coincidevano.
L’antica mistica delle ore planetarie  è confermata dalla scienza!

Ma dovevo trovare un meccanismo che potesse  permettere di sintonizzarsi a questa risonanza.


La solita meditazione theta non andava bene; ha delle frequenze fisse, mentre la frequenza di Schumann cambia  nel corso della giornata; ovvero, non coincide mai con la frequenza standard 7.83 Hz usata in tutti i programmi meditativi del mondo.
Questa frequenza è diventata canonica e, in  maggioranza dei casi,  fa il suo lavoro. Io però avevo bisogno  di una sintonizzazione precisa  sulla frequenza della risonanza di Schumann durante  la meditazione.

I mesi degli esperimenti non portarono, dapprima, ad alcun risultato. Non riuscivo a sintonizzare il  cervello sulla frequenza di Schumann reale, e non ipotetica. Finché non scoprii  l’uso delle frequenze -scansione, o “galleggianti”.
Se volete un’analogia, immaginate una stazione radio che cambia continuamente le frequenze sulle quali trasmette. Non potete sintonizzare la radio su una certa frequenza e poi  aspettare di sentire la vostra stazione; ascoltereste il silenzio.  
Molti ricevitori ad onde ultracorte possiedono la funzione “ricerca”, fanno una scansione  di tutte la bande ultracorte e si sintonizzano su una certa stazione.
Eureka!
E se facessimo lo stesso con il cervello?

Cominciai a sperimentare con le frequenze variabili  e a creare dei programmi (“scan”) dove le frequenze cambiavano ogni 2 secondi, un po’ come in quelle radio. Impostavo il programma – sintetizzatore non su una certa frequenza, bensì  su una banda di frequenze, e inviavo il comando della ricerca.


Uscì fuori una cosa molto interessante.  Il cervello  stimolato dalle frequenze variabili  si sintonizzava da solo sul valore reale della frequenza di Schumann e rimaneva  così per 20-30 secondi, e questo è molto; nel frattempo si  preparava a sintonizzarsi di nuovo sulla frequenza portante, allineandosi alla  biorisonanza planetaria.  Ora mi rimaneva di capire come si poteva sintonizzarsi sulle frequenze delle ore planetarie.

Qui, sorsero altre difficoltà. Come stabilire la frequenza di una certa ora planetaria? Ci saranno state delle ricerche su questo argomento? Dove potevo prendere i dati?
Nel corso delle ricerche ,la mia attenzione fu attirata  dai diapason che i guaritori usano per lavorare con i chakra. Ecco, ogni pianeta corrisponde ad un certo chakra, maggiormente attivo in quel momento...
Seguirono altre ricerche, la lettura di una montagna di opere pubblicate, delle recensioni, le consultazioni con i colleghi, e finalmente, le frequenze portanti per tutte le ore planetarie furono trovate. Ora dovevo trasformare tutto ciò nel suono.

Ma anche questo non era facile: si doveva lavorare con una certa frequenza solo nella rispettiva ora planetaria (per evitare l’influenza  indesiderata di un altro pianeta), e inoltre, si doveva sintonizzare i programmi su frequenze stabilite.
Così, potevo lavorare sulla creazione per esempio, dell’”Ora di Venere”, solo  con l’arrivo dell’ora di Venere.

Poco alla volta il programma acquistò il suono; cominciai a testarlo e ricevetti dei risultati straordinari; posso solo dire che superarono ogni mia aspettativa.
Venerdì 3 aprile  2015 il programma  fu pubblicato sul sito dell’Advanced Mind Institute. Il programma unico della biorisonanza planetaria  iniziò a vivere la propria vita, come un essere vivente.
Ora la si può utilizzare  per sintonizzarsi su qualsiasi ora planetaria, e per la sintonizzazione del corpo e della coscienza, a scopo curativo (non vi meravigliate, è così).
Il fatto è che ciascun’ora planetaria attiva un certo centro energetico umano ed è meglio di tutto lavorare con questo centro nelle ore prestabilite. Per esempio, si raccomanda di lavorare, nelle ore della Luna, con il sistema linfatico, con gli organi genitali femminili ecc.  L’informazione più dettagliata su questi problemi sarà fornita sul forum dell’Istituto e nel mio blog.

Un’altra particolarità  del programma “L’ottava Cosmica” è la possibilità di effettuare le meditazioni collettive. Avevamo fatto molte meditazioni collettive, tra i nostri  aderenti, e abbiamo visto che funzionano. Con questo programma non c’è più bisogno di collegarsi, accordarsi sulle ore, sentirsi su Skype ecc., basta scegliere una certa ora, trovare il pianeta che la governa e accendere il programma.

E’ un inizio. Presto potrete capire che il programma è capace di cambiare molte cose nella vostra vita. Non ne parlerò, ma ascolterò voi".





Questo programma è  ottimo per la sintonizzazione dei chakra, perché gli stessi pianeti che governano le ore corrispondono a certi chakra.  
Esistono diversi metodi per trovare la corrispondenza tra i pianeti e i chakra; qui parliamo di quello più antico, adottato da Rossolovski.

1° chakra (Muladhara) – Saturno. E’ attivo alle ore del Saturno. Il suo giorno è Sabato.
2° chakra (Svadhisthana) – Marte. E’ attivo alle ore di Marte. Il giorno è Martedi.
3° chakra (Manipura) – Sole. E’ attivo alle ore di sole. Il giorno è Domenica.
4° chakra (Anahata) - Mercurio. E’ attivo alle ore di Mercurio. Il giorno è Mercoledi.
5° chakra (Vishuddha) – Venere. E’ attivo alle ore di Venere. Il giorno è Venerdì.
6° chakra (Ajna) – Luna. E’ attivo alle ore della Luna. Il giorno è Lunedì.
7° chakra (Sahasrara) – Giove. E’ attivo alle ore di Giove. Il giorno è Giovedì.

L’influenza più forte sui chakra si osserva nei casi quando si medita nel giorno e nelle ore di un certo pianeta. Per esempio, martedì nelle ore di Marte. Questo coincide sempre con l’inizio della prima ora planetaria, e sono le ore migliori anche per la meditazione.
Se meditate alla prima ora planetaria, sintonizzate il rispettivo chakra e vi sintonizzate sulle vibrazioni del giorno.
Lo posso ormai dire per esperienza diretta:  mi sveglio alle 6.30 circa, e le cuffie e l’iPod sono già vicino a me, basta mettere le cuffie e continuare a stare in una dormiveglia. 

Avviso, però: secondo me, chi non ha mai ascoltato prima i programmi neuro-acustici, non deve forse iniziare da questi, sono molto forti. A meno che uno non possieda una naturale predisposizione all'ascolto di questi programmi, e queste persone le ho già viste, non sono poche Ti sembra di essere negli ingranaggi dell’Universo. C’è un ritmo molto forte, sono carichi di significato, questi programmi. Sono un divenire. E lavorando, ne sono sicura, scoprirò altre cose nascoste

3 commenti:

  1. Ciao Olga , se posso chiederti un consiglio, lavoro a turni quindi anche di notte, c'è un programma di Lenny che aiuti a risintonizzarsi , a rimettersi in fase. Grazie Livio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provi questo programma: ci sintonizza con i ritmi della Terra, e cioè, ripristina i bioritmi sballati http://it.advanced-mind-institute.org/negozio/lottava_cosmica/ritmi-bioplanetari-terra.html

      Elimina
  2. Grazie Olga ,ma come si può acquistare , i prezzi sono in dollari, e come viene inviato il programma?grazie Livio

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.