Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 28 settembre 2015

COSCIENZA, SUBCONSCIO E SUPERCOSCIENZA SPIEGATE DALLA RADIONICA ESOTERICO-SCIENTIFICA RUSSA.



Tutto ciò che la scienza ufficiale non sa catalogare e misurare, non  viene da essa esaminato. E se possiamo già avere le immagini dell’aura e dei campi bioenergetici, non possiamo ancora  avere le immagini della  coscienza, delle emozioni, del subconscio, della supercoscienza,  del Sé Superiore, dell’Anima e dello Spirito. Rimangono le strutture astratte che tuttavia possono essere spiegate, e le menti migliori della radionica russa riescono a farlo bene. Apportando una necessaria chiarezza. 
Questo articolo è scritto in base ai testi di L.G.Puchkò, di Suzanna Isaakian, di Pavel.

COSCIENZA

Co-scienza: verrebbe da pensare al sapere raccolto, collettivo, al prodotto della mente. Il cervello e la coscienza  non è la stessa cosa,  ma funzionano insieme durante la vita terrena dell’uomo.
Si può distinguere il cammino evolutivo della coscienza di tipo occidentale  e di tipo orientale.
In Occidente è seguito il percorso: l’idea - la valutazione logica - le sperimentazioni - i dati statistici medi, le percentuali - le conclusioni. La via occidentale del pensiero creò la società tecnogenica. A volte il peso eccessivo della scienza  impedisce il volo del pensiero libero.

Il cammino dell’Oriente è diverso:  il sapere interiore - osservazioni della natura – riflessioni - conoscenza. Le discipline orientali  primeggiano nei sistemi di crescita spirituali, nei metodi dell’aiuto psicologico, nella guarigione olistica.
Nella vita quotidiana la mente umana, basandosi sulla costruzioni logiche, cerca di  calcolare le azioni, di spiegare i fenomeni, ordina di agire in base al buon senso. Spesso la mente è oppressa dallo stress, dalle preoccupazioni, dal sistema delle convinzioni proprie ed imposte.

La nostra Coscienza è capace di elaborare un volume relativamente scarso dell’informazione; la funzione della coscienza è determinare, classificare, paragonare, prendere delle decisioni, e solo dopo, mettere ciò che si è appreso  su un certo ripiano. Ciò che si impara da bambini entra per sempre nella coscienza, perché la mente infantile non sa ancora che occorre catalogare e  paragonare il nuovo sapere, lo mette subito nel suo ripiano giusto.
Tutta la varietà del comportamento umano  è determinata dalla nostra Coscienza: dalle gesta di estremo coraggio ai più vili crimini.

La mente degli animali è orientata all’utilità e ai dettami dell’istinto. Gli animali sentono i pericoli, l’avvicinarsi della morte, e molte altre cose. Possiamo anche noi “sentire” certe cose?! Possiamo “sentire” di più,  chiedendo all’anima se è contenta della decisione presa, e per saperlo, lo dobbiamo chiedere al subconscio.

SUBCONSCIO

Il Subconscio dell’uomo è come un computer, sa tutto della persona, dal momento del suo concepimento. Deposita tutte le cose che vengono da dentro e da fuori. Da dentro vengono  i pensieri, le immagini, tutto ciò che produce l’immaginazione.  La Coscienza può immaginare certe cose e subito dimenticarle, ma il Subconscio le conserva fedelmente. A differenza dell’Anima e dello Spirito, il Subconscio è mortale; nasce con l’uomo e con lui muore. Per Pavel (un ricercatore russo che ha creato un sistema di guarigione che continua la Medicina Multidimensionale della Puchkò e va oltre), la base “fisica” del subconscio  si trova nelle sezioni del midollo spinale Th2—L2.
Il Subconscio deposita anche ciò che viene da fuori: tutto ciò che abbiamo visto, udito, sperimentato.
Le funzioni del Subconscio è la conservazione e il rilascio dell’informazione. E’ subordinato alla Coscienza, risponde alle sue domande. I file depositati nel Subconscio possono essere rilasciati, se la Coscienza lo richiede, anche  dopo decenni, anche quando la memoria ordinaria ha cancellato tutte le tracce dell’evento.  Questo fatto è molto evidente quando si lavora con i metodi di guarigione che partono dalle idee della Puchkò: per esempio, la coscienza (per mano dell’operatore armato dal pendolo) fa la domanda:
-      “Qual è la causa profonda delle disfunzioni della mia tiroide?”
-      La risposta: è un engramma “Lite tra i genitori”  registrato all’età di 5 anni... Dopo di che non ci resta che inquadrare questa causa profonda, con le tecniche Puchkò, ed eliminarla tramite una sequenza vibrazionale oppure un Appello.  E scegliere, con il pendolo,  quei rimedi e le medicine, che possono sollecitare la guarigione dando così all’organo malato l’energia di cui ha bisogno.

Il Subconscio non possiede emozioni né sentimenti, non giustifica, non rimprovera. Conserva ciò che deve conservare, aspettando la domanda da parte della Coscienza.  Il Subconscio indica le cause e  la via d’uscita dalla crisi, la soluzione dei problemi.
Mentre la Coscienza riflette, il Subconscio, essendo sempre online,  sa già dove e quando, se serve o meno alla persona, e ha anche  la soluzione  ottimale per risolvere il problema. Resta  fare la domanda! E’ collegato con un canale con la Coscienza. E la qualità  del lavoro radiestesico dipende dalla qualità do questo collegamento: questo canale deve essere pulito!

SUPERCOSCIENZA

Si tratta  dei livelli al di sopra della coscienza, più vicini alla metafisica che alla scienza ufficiale.
Ci sono delle illuminazioni che danno l’input a delle scoperte, a delle opere d’arte eccezionali. La Supercoscienza non è accessibile né alla Coscienza né al Subconscio, ma può rivelarsi attraverso loro. L’intervento della Supercoscienza  non puà essere previsto, succede semplicemente.
Tutti noi abbiamo sperimentato questi momenti, sapendo all’improvviso quell’unica cosa giusta che bisogna fare (dove andare, con chi parlare, dove prendere l’informazione occorrente).
Dobbiamo ricordare che il suggerimento della Supercoscienza è una merce deperibile, e rimandare a dopo ciò che occorre fare subito, di solito, rovina il risultato. L’energia di questo suggerimento va usata subito, va colta al volo, altrimenti  perderà lo slancio.
Il livello  della supercoscienza  si esamina in alcuni protocolli Puchkò, soprattutto riguardanti le relazioni tra persone.




2 commenti:

  1. Ciao Olga

    sono Alex, classe 1961, grazie per questo favoloso articolo! lo sento molto mio.
    E' la continuazione del precedente post.
    E' possibile contattarti tramite un email tua privata?
    Ho alcune cose da chiederti su alcune esperienze che ho avuto con il pendolo...
    Grazie !

    Alex

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.