Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 1 febbraio 2016

LA COSTELLAZIONE DEL GATTO. I MITI DEL WEB. E CIO’ CHE RIVELA LA RADIONICA SPIRITUALE RUSSA.



Gli ”starseed” o “scudi” contro la negatività?  I “miti” sui gatti che offre il web

Un giorno io avevo risposto al post di uno dei miei friends su Facebook che chiedeva: "Voi credete che gli animali abbiano un’anima?"

Io non ne avevo dubbi, rispondendo: “Hanno una coscienza, un 'anima e sono collegati all'essenza spirituale dell'universo oltre che alle menti collettive delle specie. Fanno il loro cammino karmico collettivo ma anche individuale, si reincarnano se arrivati ad un certo grado di sviluppo dell'anima individuale (riguarda più i cani e i gatti che camminano al fianco dell'uomo). Purtroppo, queste verità sono dimenticate nel corso dei migliaia anni dell'antropocentrismo come ideologia/religione dominante.”

Non metto in dubbio il fatto che anche gli animali facciano parte dello stesso flusso divino dove ci siamo anche noi, che anche loro stanno sperimentando le infinite vie della coscienza.
I gatti, poi ... adesso sono molto popolari sul web.
Si leggono molti articoli sulle capacità magiche dei gatti. Come si sa, il gatto è uno degli animali più esoterici che esista su questo pianeta. E quindi, negli articoli dedicati ai gatti, spesso si può leggere che:
- l'aura del gatto è talmente potente che si estende non solo sulla persona che si prende cura di lui, ma include anche la casa e tutto il territorio che il felino crede suo.
- un gatto che si struscia contro le gambe degli umani non obbligatoriamente gli chieda da mangiare; più spesso, vorrebbe offrirgli la sua forza astrale (quindi, niente "pussa via!").
- è capace di tenere sotto controllo la negatività e i gusci energetici estranei, risucchiandoli nel suo campo energetico. Ama dormire sui nodi di Hatrmann e su altre fonti di energie dannose per gli uomini e per gli altri animali, cani, per esempio.
- un gatto che fissa immobile un punto dove non si vede nulla (e non ci sono delle tane di nessun animaletto), è probabile che stia facendo il suo lavoro. Potreste aiutarlo recitando una preghiera, oppure, in alternativa, fate bruciare un po' di foglie di assenzio. l'Assenzio è un potente rimedio anti-negatività.
- i gatti non sono soltanto degli "aspirapolveri" delle energie negative, sono capaci anche di condurre delle energia cosmiche positive. 
- secondo alcuni punti di vista, sono stati trapiantati sulla terra dagli antichi maestri dell'umanità che rappresentavano delle civiltà aliene superiori. Ancora adesso sarebbero capaci di comunicare con quelle entità. Alcuni li chiamano “starseed” animali. Molti gattofili accarezzano questa convinzione, e molto ricercatori dello spirito danno loro ragione.  Ecco solo due citazioni delle fonti eccellenti:
“...(la mia amica gatta) raccontava che il suo popolo era qui contro la sua volontà, perché lo Spirito di Vita ne aveva oscurato la coscienza per una antichissima ragione ignota...Ma che bisogna accettare questo dato di fatto per il bene dell'Amore. ... Il popolo dei gatti, diceva, doveva aiutare gli umani a loro insaputa, ed imparare a sua volta la compassione.
(Anne e Daniel Meurois-Givaudan “Il popolo degli Anima-li”)

“...I gatti sono gli occhi degli Dei. Nessuno nota il gatto che dorme accanto: le sue zampe sono piegate, la coda avvolta e sembra che dorma. Ma non è così: il gatto sta lavorando, trasmettendo ciò che sta succedendo.... I gatti fanno molto bene alla Terra, sono una continuazione del grande Sé Superiore di questo mondo, e la fonte dell’informazione non alterata.”
(Lobsang Rampa "Il saggio del Tibet”)

Gli indicatori psichici


La gran parte delle persone normali vede i gatti in maniera positiva, mentre alcuni umani provano verso i gatti un’inspiegabile antipatia: li innervosiscono, danno fastidio e suscitano il desiderio di cacciarli via. A prima vista, può succedere... uno non ama i gatti, che c’è di strano! Mentre alcuni affermano che questa posizione fa pensare anche ad altro. 
Il gatto, come il cane, vive accanto all’uomo dai tempi immemorabili, ma se il ruolo del cane era inizialmente concreto e semplice (la guardia e la caccia), il compito del gatto è sempre stato più complicato.
L’eliminazione dei piccoli roditori, da parte dei gatti, potrebbe essere considerata un favore in più: il compito del gatto non è questo. 
Il gatto possiede un sistema bio-energetico unico, essendo capace di sintonizzarsi ai bio-campi che trova vicino, di entrare con loro in risonanza, correggendoli e nutrendoli, se necessario. Qualsiasi alterazione nel nostro organismo provoca l’alterazione dell’aura e il gatto lo sente e accorre in aiuto.
Ma non è tutto; il gatto è un indicatore del benessere dell’uomo. Quando stiamo bene, il gatto che vive accanto è calmo, dorme molto, fa le sue procedure igieniche e mangia a dovere. Se e il gatto è nervoso, se smette di pulirsi, di alimentarsi, significa prima di tutto che siete voi che non state molto bene. 
Di solito i gatti sensibili reagiscono alle liti in famiglia, assumendo la parte di chi ha subito l’ingiustizia. Se, per esempio, avete punito ingiustamente il vostro bambino, il gatto cercherà di calmare il piccolo e di ripristinare il suo equilibrio.
Come qualsiasi collegamento sottile, il rapporto uomo-gatto corre in due direzioni: il gatto sente l’uomo ma anche l’uomo sente il gatto. 
E’ per questo che non esistono persone che sono indifferenti ai gatti: o sono simpatici o sono antipatici. Quanto alle simpatie, non c’è nulla da spiegare, ma quanto alle antipatie, secondo le osservazioni di alcuni, il 90% dei forti alcol-dipendenti non sopportano i gatti, molte donne con problemi di relazioni dicono spesso categoricamente, anche se suona fuori luogo, “odio i gatti!”, e i bambini maltrattati in famiglia trasportano la loro rabbia sui randagi o sui gatti di casa.
Si può dire con una certa sicurezza che coloro che hanno forti problemi karmici, provano verso i gatti delle emozioni negative. Queste persone dovrebbero pensare seriamente a come cambiare la vita, facendola più serena e felice... e allora questi piccoli animali non susciterebbero anche in loro nient’altro che un sorriso.
E c’entra fortemente, secondo me, il nostro rapporto con concetto della libertà:  non a caso i gatti sono amati dagli artisti e dai poeti, e  non sono mai visti bene da chi  preferisce i ranghi, le gerarchie, l’obbedienza.

La salute del gatto vista dalla radionica spirituale russa.

E mentre i miti rimangono miti, proviamo a cambiare lo strumento dell’analisi di questo straordinario animale. 
Non molti sanno che cos’è la radionica.
La radionica è la radioestesia applicata alla ricerca e alla cura degli squilibri  nei corpi energetici che determinano le malattie fisiche.
In radionica  si arriva per tante vie, la mia era quella di voler curare gli animali che hanno rallegrato la mia vita, mi hanno dato e mi hanno insegnato. Dopo aver terminato il percorso della radionica classica, mi occupo dello studio della “radionica russa”, anche se non hanno molte cose in comune, tranne l’uso del pendolo. La radionica “russa”, ancora poco conosciuta in Italia, è, un felice mix dell’antica spiritualità russa mirata all’evoluzione dell’ANIMA e dello SPIRITO, e delle  scoperte d’avanguardia dei fisici quantistici, soprattutto russi.

Non mi sono mai ispirata alla bella favole del Ponte dell’Arcobaleno, e credo che ci sia molto di più, ma da molto tempo non sappiamo più chi siamo noi e come parlare con il pianeta e con altri suoi abitanti.
In questo campo abbiamo spesso notizie confuse e spesso antiquate. Quale posto occupano gli animali nelle dimensioni dello spirito?
Quello della radionica degli animali è un grosso tema ancora inesplorato.
Nell’esoterismo classico c’è la convinzione che esista una sorta di anima collettiva di ogni specie nella quale confluiscono le anime degli animali defunti, e fin qui non c’è nulla di nuovo.
 
Che cosa dicono a proposito i maestri russi che io seguo? Liudmila Puchkò (“Medicina Multidimensionale”) amava molto gli animali e aveva dedicato a loro non pochi riflessioni e anche dei protocolli. In sostanza, questi protocolli ricalcano, con alcune semplificazioni, quelli per gli umani.
Per Pavel (“Le Energie della Guarigione e la Formula dell’Appello”), nemmeno gli animali superiori possiedono il Sé Superiore in quella forma come lo abbiamo noi, ma hanno una pre-mente e un corpo mentale, e anche una sorta di Angelo custode collettivo per ogni specie, che lui chiama “Determinatore”.
Per la verità, Pavel riserva per il lavoro sugli animali soltanto la lingua dei simboli (sequenze vibrazionali), ma io ci lavoro bene con gli Appelli e con la preghiera. Quindi, non ci sono regole fisse e rigide, molto dipende dall’operatore.
E dunque, cosa si può dire sulla  radionuca e gli animali (gatti, nel mio caso)?

Se partiamo dai postulati della Puchkò che introduce il concetto delle cause profonde delle malattie e del biocomputer, noi ci ammaliamo quando l’informazione negativa sotto forma di vari programmi irrompe nei nostri corpi sottili, li rovina, crea blocchi nei flussi dell’energia, spezza i canali di scambio di energia-informazione-materia tra le varie strutture del corpo, guasta i programmi dei nostri biocomputer. Più o meno la stessa cosa avviene anche per gli animali.
Quindi, cominciando a curare il fisico, non dimentichiamo a riparare ciò che è stato guastato per primo.
Il mio primo passo è la pulizia dei loro corpi sottili e la messa della protezione. Questa protezione (con il metodo di Pavel) è permanente e rimarrà a vita, assicurando uno scudo contro i nuovi programmi negativi. Tra l’altro, gli animali domestici sono soggetti anche loro all’azione dei PROGRAMMI NEGATIVI di carattere informazionale – esattamente come gli umani, e, in un certo senso, spesso rischiano più dei loro padroni, perché fanno loro da SCUDI proprio in questo senso!

Non so quanto facciano da scudi contro i nodi Hartmann, ma di sicuro ci fanno da scudi assorbendo tutta o quasi tutta l’informazione negativa che viene indirizzata ai loro compagni umani, oppure alle persone con le quali possiedono dei solidi canali di comunicazione; come si spiegherebbe altrimenti l’esistenza degli strati di programmi negativi di ogni tipo nei gatti o nei cani che da sempre vivono in un appartamento? ....
Questi programmi negativi risultano praticamente assenti negli animali che vivono allo stato libero (ho potuto constatarlo occupandomi parecchio dei randagi); i loro problemi di salute sono causati principalmente dalle infezioni, dai virus, o da altri fonti di irradiazione dei campi del sistema della Mente Suprema. L’unico fattore sottile a cui questi animali sono esposti sono le SEMC - Strutture Energetiche Multidimensionali di Comando - che arrivano in seguito al naturale invecchiamento o all’azione delle malattie croniche;
Normalmente,  si può ripulire i loro corpi sottili e metterne una protezione. Fatto questo, si lavora sui meridiani energetici che sono delle fedeli spie dello stato dei principali sistemi fisicologici.
Lo scopo è quello di eliminare in maniera possibilmente permanente i blocchi nello scorrimento dell’energia nei meridiani.
In seguito passo all’organo interessato, ripulisco le sue parti sottili, elimino le incoordinazioni e... faccio molte altre cose ce sarebbe difficile descrivere.
Non si deve pensare che con la sola radionica noi (o gli animali) siamo in grado di guarire. No! 
Il corpo fisico è tutt’altra cosa ed ha un grande bisogno d’energia, quindi, serve dargliela, con tutti i mezzi che abbiamo, testando le cure naturali, omeopatiche, fitoterapiche, gli integratori alimentari, e anche le cure che danno i medici. A volte viene fuori una lista di rimedi che l’organismo malato non è in grado di digerire, e quindi il pendolo ci deve venire di nuovo in aiuto, scegliendo solo ciò che in questo momento è prioritario (in seguito lo rifaremo più di una volta). Misuriamo anche il grado di compatibilità e di tollerabilità di un medicinale.
In sostanza, la cura con questi metodi non è veloce (né per gli umani né per gli animali) ma in alcuni casi può aiutare molto.
Ma poi, ricordiamoci che non sempre possiamo arrivare dove vogliamo, che anche gli animali hanno il loro destino e magari, anche la loro anima potrebbe prendere una decisione diversa dalla nostra. Se succede, non abbattetevi, comprendete il fatto. Alla fine, la morte non esiste, è solo un passaggio alla prossima tappa del percorso. Comune.


Noi e le antiche divinità

Non dimenticate però, che i gatti hanno una potente protettrice: la Dea Bastet, antica divinità egizia, amata e osannata  per millenni. Il mondo sottile non è sordo ai nostri richiami, ma occorre avere il coraggio di credere in lui e chiamarlo in aiuto:
Preghiera a Bastet
" Amata Bast,
signora della felicità e della bellezza,
gemella del dio Sole,
sgomina il male che affligge le nostre menti
come hai sterminato il serpente Apep.
Agendo furtivamente previeni i movimenti 
di tutti coloro che perpetrano crudeltà in cause false 
e ferma le loro mani rivolte contro i figli della luce.
Concedici la gioia del canto e della danza 
e infondi in noi una profonda comprensione 
per tutte le forme di vita. "

C’è anche questa bellissima piccola preghiera che ho trovato nel web russo:
“Oh Bast dal volto lunare,
Guaritrice potente amata dai milioni;
Luminosa nel tuo tempio,
Apri davanti a me le sue porte,
Illumina l’anima mia con la tua luce,
Entra nel mio spirito
E guarisci tutte le mie malattie”.
(Magari, mettete il nome del gatto nella preghiera...).


 
“Il gatto e la Fata” di Olga Samarina

Ricordiamoci che l’amore che nutriamo per gli animali  ci apre l’accesso all’amore incondizionato  di cui loro sono capaci naturalmente...