Si è verificato un errore nel gadget

giovedì 23 febbraio 2017

LE ILLUSIONI




“Uno Sciamano era seduto in cima al monte. Aspettava. Da un momento all’altro doveva arrivare colui che aspettava da molti anni. Finalmente sentì i passi. Un uomo s’avvicinò a lui e gli si sedette accanto. 

- Ti saluto, Sciamano,  disse l’Uomo con riverenza.
- Salve, viandante,  rispose lo Sciamano.

Stettero in silenzio, a lungo, lo Sciamano e l’Uomo. 

- Sei vecchio e saggio, Sciamano, - disse all’improvviso l’Uomo. - A me sembra  che la mia vita non sia una vera vita. E’ piena di illusioni. Vorrei liberarmene. Dimmi come devo fare. 

- Dimmi, Uomo, perché le guardi, queste illusioni?

- Forse... L’uomo pensò un po’. - Forse perché ho paura di vedere ciò che è dietro alle illusioni. 

- Ecco la tua risposta. Cerca le tue paure, dietro ognuna di esse c’è un’illusione. 


Lo Sciamano era seduto in cima al monte. Aspettava. Erano passati tre anni dalla visita dell’Uomo. Presto doveva venire di nuovo. Alla fine, sentì i passi e il fischio, il motivo di una canzone. L’Uomo si sedette accanto allo Sciamano e disse:

- Grazie, Sciamano. Non è rimasto nulla della mia vita precedente. La famiglia si è sgretolata, gli amici se ne sono andati, i parenti mi hanno voltato le spalle. Ma sono felice. E per questo io ti ringrazio, Sciamano. 

- Sono lieto di sentirlo, disse lo Sciamano, e, guardando l’Uomo, chiese:
- Ma tu ti sei liberato da tutte le tue paure? Non c’è nulla che ti preoccupi?

- Hai ragione. Ho paura. Ho paura di invecchiare.
- Perché hai deciso di dover invecchiare?
- Ma come? - si meravigliò l’Uomo. - Tutti invecchiammo. Toccherà anche a me.
- E se non dovessi...? - strinse gli occhi lo Sciamano.
- Vorresti dire che anche questa è un’illusione?


Lo Sciamano era seduto in cima al monte. Sono passati molti anni dalla visita dell’ìUomo. Ma lo Sciamano sapeva che lui sarebbe arrivato ancora. E si sentirono dei passi. 

- Salve, Sciamano.
- Salve, Uomo. Vedo che sei sempre giovane e pieno o di forze.
- Si. E te ne sono grato. Ma ho ancora una domanda.

Taque un po’, indeciso.

- La morte. Ho tanta paura della morte.
- Ma avevi già capito come funziona, disse lo Sciamano. 
- Ah ecco. Vuoi dire, che anche la morte...?
- Si. Anche la morte.
- E tu? - voleva chiedere l’Uomo, ma si fermò. Perché non c’era nessuno chi avrebbe potuto rispondergli. Era seduto in cima da solo.

- E anche tu, rispose a se stesso..

Stette seduto in cima al monte a lungo. Molto a lungo. Finalmente si alzò e disse: 

- C’è un’altra cosa della quale ho paura. Quell’unica cosa di cui avevo paura.


Questo post lo traduco da un gruppo sul “Facebook” russo, il social Forum VK (VKontakte).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.