lunedì 29 gennaio 2018

TECNOLOGIE RADIESTESICHE RUSSE




Presento il mio simbolo, quello che accompagnerà la mia attività negli anni a venire. 

Si tratta del progetto di un corso a livelli che ha ancora bisogno di una maggiore definizione, anche quella "tecnica". Sperimenterò delle forme di interazione moderne, anche se, personalmente, il contatto diretto con le persone mi ha sempre dato grandi soddisfazioni.
Si partirà da zero e si arriverà - per chi lo vorrà - alla condizione di poter usare la radiestesia e le rispettive tecniche per risolvere almeno alcuni, più importanti, problemi di salute fisica e psichica. Perché non è solo la radiestesia: sono le "tecnologie radiestesiche" che possono trasformare la realtà.
E' un metodo di AUTO guarigione. Ma nulla vi vieta di usarlo per far stare meglio i vostri famigliari e i vostri animali domestici. Ci tengo a precisare che lavorare con questo metodo con i pazienti è un altro discorso, molto impegnativo. Non si tratta di un riequilibrio energetico (cristalli, reiki, aromaterapia, campane tibetane, radionica...) si tratta di entrare nella matrice informazionale di una persona!
I requisiti per gli interessati:
1) "Se oggi sto così, devo capire dove sbaglio e mi prendo le mie responsabilità."
2) "Non cerco un guaritore, nessuno meglio di me (del mio Sé Superiore) conosce le cause dei miei problemi."
3) "Non ho paura di imparare (anche a 70 anni) se questo mi aiuta a stare meglio."
4) "Il tempo che impiego per la ricerca radioestesia non è mai tempo perso!”

Prossimamente vi aggiornerò sui contenuti.

Intanto, l'11 febbraio 2018 sarò a TORINO al pre-corso "I PRIMI PASSI NELLA RADIESTESIA SPIRITUALE" che organizza il mio editore, libreria Psiche2; c'è ancora qualche posto.
Il corso è aperto soprattutto a chi non ha mai lavorato con il pendolo, ma sarà utile anche a chi non è sicuro del suo risultato. E' un corso PRATICO che presenta un'impostazione di lavoro diversa da quella classica e soprattutto, offre numerose tecniche di verifica.
Gli eventuali interessati possono contattare la libreria: 011 386172 info@psiche2.com

venerdì 19 gennaio 2018

"I CAMPI TORSIONALI SONO DEI VORTICI CHE SERVONO PER FORMARE L’UNIVERSO E PER GOVERNARLO”. LE IDEE DEL FISICO GHENNADIJ SHIPOV.



Nel 1993 il fisico russo Ghennadij Shipov pubblicò il libro “La teoria del vacuum fisico”.  Forse non è molto conosciuto nella parte occidentale del mondo...
Questo nome - G.Shipov -  l’avevo incontrato per la prima volta nei libri di Liudmila Puchkò, fisica anche lei, ma più nota come una coraggiosa pioniera che ha saputo unire la radioestesia e la spiritualità, creando il primo modello delle Tecnologie Radiestesiche che permettono di ripulire in profondità la struttura multidimensionale dell’uomo. 

E che cosa ne sappiamo, di questa struttura? E cosa ne sappiamo di altri mondo sottili? Le conoscenze e le intuizioni che ci permettono di indagare su ciò che non è riscontrabile  dagli strumenti ci giungono principalmente dalla tradizione esoterica e dalla religione. Qualche volta,  giungono pure dalla scienza stessa, malgrado quest’ultima non vede di buon occhio gli esoteristi e i religiosi di ogni sorta. 

Lavorando  da anni con il metodo Puchkò e, successivamente, con il metodo di Pavel, ho potuto verificare di persona alcune profonde verità che distinguono certe coraggiose scoperte, quelle che fanno breccia nel Matrix, insegnandoci e cambiandoci interiormente. Si, i mondi sottili esistono e incidono profondamente sulla nostra vita!  

E dunque, il nome di Shipov è citato molte volte nei libri della Puchkò... mi fido o non mi fido della mia maestra?
Certo che mi fido, che discorsi!

Così un giorno mi è venuta voglia di cercare nel web russo altre notizie su Ghennadij Shipov. La prima fonte che si presenta  nella ricerca è di solito la Wikipedia. 
Cosa dice di lui? Nulla di buono. Che sarebbe un rappresentante, insieme ad Anatolij Akimov, della “pseudoscienza”. 
Dio mio! Ma quale sarebbe la colpa di quei due? Solo quella di volere ribaltare la versione scientifica del mondo. Dicendo che non è soltanto materiale...

Già alla fine degli anni 60 l’allora giovane fisico Shipov ha voluto lavorare sul problema della teoria del campo unificato. Il suo consulente scientifico lo avvisò: “Dovrà provare le sue idee per tutto il resto della vita...!”
Ed ecco la sua teoria del vacuum fisico, negli anni 90, anni difficilissimi per la Russia post sovietica. Che hanno pure favorito la nuova ricerca scientifica...  
Il termine (vacuum fisico)  nacque all’inizio del secolo scorso, in seguito alle scoperte nella fisica teorica.  Dopo fu creata la teoria della relatività da una parte e la teoria quantistica del campo.

G.Shipov in una intervista
Per Shipov, tutto ciò che è nasce dal vaccuum, ovvero dal Vuoto. Anche noi. Gli uomini  non sono altro che  uno stato altamente organizzato del vacuum fisico. 

Questo è un brano dalla sua intervista. 

-  "Il vacuum sarebbe una sorta di grembo dal quale nasce tutto, l’uomo incluso?”
- “Esatto. Il vacuum è neutro. Non ha una carica, una massa, né altre caratteristiche. E’  zero,  ma è uno zero che possiede delle proprietà intrinseche che gli permettono di generare qualsiasi tipo di materia.”

- “Come lo fa?”
- “Il vacuum contiene un Progetto. Ovvero, la materia è assente, ma esiste un Progetto secondo il quale la materia nasce; è una matrice del possibile, dentro il vacuum.

- “Da dove viene questo progetto?”
- E’ questo il problema. Esiste a priori, e noi ancora non possiamo sapere da dove viene. Possiamo supporre che esista una Mente Suprema, che ha delle caratteristiche che la nostra mente non è in graduo di capire. Ancora.”

- “Cosa significa “ancora"? Intende l’umanità in generale o la logica della scienza moderna?”
- “Intendo la logica occidentale, o di Aristotele. E’ semplice, duale, ha solo due stati: si e no. La usa la scienza occidentale che si basa sui singoli esperimenti. In base a questi esperimenti i fisici costruiscono il modello della realtà. 

- “E’ una base puramente empirica!”
- “Si. Ma esiste anche una logica non duale. Spero che un giorno la potremo applicare.” “Oggi esistono sette livelli della realtà, e solo quattro di queste sono oggetto dello studio scientifico. Il livello più basso sono i corpi solidi. La tavola, la sedia, il carbone... Di loro si occupa la meccanica newtoniana.
Il secondo livello sono i liquidi, il terzo sono i gas, e il quarto livello è il plasma. Tutto il XX secolo la scienza si è occupata del plasma.  La fisica moderna studia la teoria delle particelle elementari.  E ha capito da dove vengono le particelle elementari; dallo zero assoluto. E’ il quinto livello: il vacuum fisico. 


- “Quello che genera il mondo fisico.”
- “Esatto. E’ la matrice del possibile. Un Progetto... Di chi?...” ...“Ma non è tutto. Esiste il sesto livello: il livello dei campi torsionali primari; sono dei vortici primari che non sono materiali,  sono dei CAMPI INFORMAZIONALI. 

- “Si potrebbe trattarsi di una conoscenza come tale?”
- “E’ la conoscenza della Mente Suprema.”

- “Sarebbero dei vortici che rappresentano un mezzo di trasporto? La Mente Suprema li usa per saturare il vacuum di informazione? Per dargli un compito concreto?”
- “Si, sono dei vortici che servono per formare l’Universo. Ma esiste anche il settimo livello, quello del Nulla Assoluto. La parola “Nulla” va presa tra le virgolette, perché dal punto di vista della logica duale  non ha senso.”

- “Non è una cosa che noi possiamo capire?”
- “Proprio così. E’ un altro livello del Vuoto. Quello supremo. Risulta che il vuoto stesso contiene una triade: il “Nulla assoluto”, i campi torsionali primari, il vacuum.”

- “Qualcuno è in grado di interagire con il settimo livello?”
- “Gli iniziati, le persone educate nell’ambito della filosofia orientale...”

- “Lei cosa pensa di Dio?”
- “ So che esiete, lo vedo dietro alle mie equazioni. L’esistenza dei mondi sottili è una realtà che si intravvede nel corso della ricerca scientifica...”. "I nostri pensieri sono delle formazioni di campo, autoorganizzati. Li percepiamo come le immagini e le idee.”

A.Akimov
Sia Anatolij Akimov sia Ghennadij Shipov sono nelle liste della “frikopedia” (un fenomeno del web russo che separa “scientifico” da ciò che “non lo è”, una sorta del libro nero della scienza ufficiale...)

Cosa ne pensa Shipov stesso? 
Lui  dice: “La scienza ufficiale è in ritardo rispetto alle nuove ricerche. Già Max Planck aveva detto che le nuove teorie saranno riconosciute  soltanto dopo la morte della vecchia generazione degli scienziati. Noi abbiamo a che fare con gli scienziati che respingono le nostre scoperte, perché vogliono delle prove. Ma noi, usando i generatori dei campi torsionali, abbiamo potuto fondere i metalli con le proprietà particolari, trasmettere l’informazione all’istante, e stiamo elaborando le tecnologie che ci portano all’inizio di un una nuova spirale evolutiva. Ma come sempre, il nuovo è il vecchio dimenticato. Gia nei Veda è stata data la base filosofica di queste scoperte. 

- “State facendo degli esperimenti con dei materiali edili?
- “Un esempio: stiamo cercando di irradiare un materiale edile, dei mattoni, per esempio, con dei campi torsionali simili a quelli di una pineta... cercando di ottenere un materiale benefico per l’uomo.”

- “Avete fatto degli esperimenti con gli esseri viventi?”-
Una delle ricostruzioni del generatore torsionale di A.Akimov

- “No, non abbiamo lavorato intenzionalmente con gli uomini o con gli animali. Ma Akimov, per esempio, è in grado di cambiare la polarità  del campi torsionali negativi, quando li trova.”

- “Cosa ci può dire dei generatori psicotronici?”
- “Sono intorno a noi. Sono i televisori, l’arma psicotronica più distruttiva.” 

- “Che cos’è il karma, secondo lei?”
- “Le connessioni informazioni nei mondi sottili.”

- “E cosa pensa dell’intuito?”
- “E’ la capacità  di penetrare la barriera tra la coscienza e il subconscio. Il subconscio è collegato alla Conoscenza Universale.”