lunedì 29 ottobre 2018

LA MALATTIA



Sono diversi anni che sto curando un gatto. Ovviamente, con le Tecnologie Radiestesiche Russe. Avendolo sotto gli occhi, vedo coma cambia, come risponde, capisco dove devo intervenire e capisco come si collegano alcune risposte. E’ un lavoro piuttosto lungo, sia per gli umani sia per gli animali; a volte fallisci, altre volte ricevi un’estrema soddisfazione. E’ tutto come nella VITA. Ma ho una chiara e netta sensazione di fare qualcosa di magico, importante, incredibile, perché lavoro veramente a contatto con le Forze che stanno al di là del nostro piccolo mondo.
Ecco, da quando ho iniziato a lavorare esclusivamente con questo metodo, non concepisco più il concetto del “trattamento”. Un trattamento significa “migliorare, trattare fino alla scomparsa del sintomo” (sperando che sparisca anche la malattia). Però tante volte non sparisce. Si rintana ed esce allo scoperto quando le pare, quando l’organismo si è indebolito di nuovo. Nella mia comprensione la malattia segue questo percorso:
- l’entrata dei programmi negativi di carattere energetico-informazionale
- danni ai corpi sottili, ai collegamenti tra le strutture sottili, ai meridiani energetici, a volte anche ai programmi del “biocomputer”
- i corpi sottili di un organo o di più organi restano a corto di energia
- le cellule del corpo fisico rispondono, sviluppando le diverse patologie, vanno in confusione, non potendo espletare le loro funzioni naturali.
Tra l'entrata delle “cause profonde” alla malattia fisica possono intercorrere alcuni anni. E’ chiaro che un radiestesista che sa come muoversi sarà in grado di PREVENIRE molti problemi. Quanto tempo ci vuole per curare il fisico?Tanto, se vuoi veramente GUARIRE (non parliamo dei trattamenti). Quando il danno è uscito nel fisico il tempo di reale recupero è più o meno uguale al tempo dello sviluppo della patologia (mesi, anni). Inoltre, a parte il lavoro che fa l'OPERATORE RADIESTESICO (è un lavoro di RISTRUTTURAZIONE, non un trattamento), l’organismo necessita degli invii di energia sotto varie forme, per poter eliminare le molteplici incoordinazioni tra le pareti sottili e il fisico.
Il 25 novembre partirà il nuovo primo livello del mio corso https://www.radiestesiaspiritualerussa.it/formazione-tecnologie-radiestetiche-russe. Ma voglio dire questo: non è un corso che si fa e si dimentica, uno tra tanti, è impegnativo, bisogna lavorare a casa, crescere, perché nulla è regalato. Ormai, dopo varie prove, ho visto chiaramente che serve una pre-selezione, perché tutti vogliamo guarire ma non tutti sono in grado di impegnarsi per questo.

lunedì 15 ottobre 2018

TECNOLOGIE RADIESTESICHE RUSSE: CALENDARIO CORSI





L’ASSOCIAZIONE CULTURALE “STELLA DELL’EST” ANNUNCIA IL SEGUENTE CALENDARIO CORSI (docente Olga Samarina): 

1° livello TRR

23 settembre 2018 – 25 novembre 2018 – 14 aprile 2019

“Radiestesia Spirituale” Russa”.  Il corso contiene delle impostazioni del lavoro radiestesico dal punto di vista dei gradi maestri russi. Si approfondiscono le tecniche della verifica delle risposte del pendolo. E’ aperto anche a coloro che fanno i primi passi nella radiestesia.


2° livello TRR

7 ottobre 2018 – 3 febbraio 2019 – 16 giugno 2019

“I primi passi nella pulizia della matrice energetico-informazionale umana”). Il corso è dedicato alle caratteristiche delle cause profonde delle malattie e alle tecniche russe della pulizia del Sé Superiore e dei suoi collegamenti e canali.


3° livello TRR

9 dicembre 2018 – 9 maggio 2019

Sistema di guarigione di L.G. Puchkò. Protocolli terapeutici"). Prosegue la conoscenza della "macchina" bio-energetica umana. Inizia lo studio dei profondissimi  "protocolli terapeutici" Puchkò, con alcuni elementi del sistema di guarigione di Pavel ("Le Energie della guarigione”).

Per l’iscrizione e i maggiori info: 





lunedì 8 ottobre 2018

IL PRIMO COMPUTER E' STATO INVENTATO DAI RUSSI


Si, il primo personal computer non era un Apple Computer (1975), bensì un dispositivo brevettato dall'ingegnere elettronico russo di nome Arsenij Gorokhov, nel 1970, con il brevetto n.  383005.  A. Gorokhov (nato nel 1935) è un membro dell’Accademia dell’Ingegneria russa, inventore e innovatore. Attualmente, insegna  ancora all’università della città di Omsk.

Il dispositivo ha ricevuto due nomi:  “intellettore” e “strumento di programmazione”. Aveva un monitor, un disco rigido esterno, una scheda di memoria, una scheda video e molte altre cose... mancava soltanto il “mouse”. 
Questa macchina poteva comunicare con il calcolatore elettronico, ma era anche in grado di risolvere alcuni problemi in autonomia. Purtroppo, non è andata in produzione per colpa della burocrazia che aveva negato i soldi: per avviare una produzione industriale servivano circa 80 mila rubli (10 auto di marca sovietica  “Volga”, non era una grossa cifra); ma i burocrati avevano deciso che costava troppo, e che era meglio aspettare qualche anno...
Purtroppo, anche la dirigenza del partito comunista sovietico, già negli anni 50-60, quando i primi informatici russi e americani avevano raggiunto più o meno lo stesso livello,  non vedeva di buon occhio lo sviluppo dell’informatica considerandolo una “scienza borghese"...e così fu imposto uno “stop” di carattere ideologico. 

L’invenzione di Gorokhov gli  fruttò un “mucchio di soldi”: 20 rubli...  se il computer  fosse stato prodotto in fabbrica lui avrebbe ricevuto mille volte di più. Si tratta comunque degli spiccioli, se consideriamo la portata dell’invenzione.

Nello stesso periodo Gorokhov aveva inventato anche il plotter (al quale è toccato lo stesso destino, ovvero, per il mondo esiste un altro inventore ufficiale). 
Al giorno d’oggi quest’uomo ha più di 20 brevetti. Molti, ahimè, sono rimasti sulla carta.

Ci sarebbe da dire che nella stretta cerchia degli addetti ai lavori  - gli informatici  e gli inventori -  il primato di Gorokhov, in qualità dell’inventore del primo computer,  non si discute, lo riconoscono anche gli americani. Ma il mondo conosce  Steve Jobs...